Roma a San Lorenzo operazione antidroga 5 pusher arrestati in poche ore

Ieri sera, i Carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante hanno eseguito mirati blitz antidroga per ostacolare l’attività di spaccio nel quartiere San Lorenzo. La dura azione di contrasto è terminata con l’arresto di 5 pusher in poche ore.

Ieri sera, i Carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante hanno eseguito mirati blitz antidroga per ostacolare l’attività di spaccio nel quartiere San Lorenzo. La dura azione di contrasto è terminata con l’arresto di 5 pusher in poche ore.

In Piazzale Tiburtino, i Carabinieri hanno fermato due cittadini stranieri, un 32enne del Congo e un 47enne del Senegal, entrambi già con precedenti, che cedevano alcune dosi di eroina ad un tossicodipendente del luogo.

In Piazza dell’Immacolata, i militari hanno colto in flagranza un 27enne marocchino, senza fissa dimora e già noto alle forze dell’ordine, mentre cedeva varie dosi di hashish ad un giovane.

Invece, in viale di Porta Tiburtina, i Carabinieri hanno notato due persone, un 33enne di Roma e un 22enne della provincia di Salerno, già conosciuti alle forze dell’ordine, che confabulavano tra loro. Fermati per un controllo, i militari li hanno trovati in possesso di diverse dosi di marijuana.

Per tutti i pusher sono scattate le manette con l’accusa, a vario titolo, di detenzione ai fini di spaccio e spaccio di stupefacenti.

Nel corso dell’operazione, i Carabinieri hanno inoltre recuperato decine e decine di dosi di hashish, marijuana ed eroina - pronte alla vendita denaro contante provento dell’attività illecita.

Accompagnati in caserma, i pusher sono stati trattenuti in attesa del rito direttissimo.

MAGLIANA – CARABINIERI ARRESTANO 5 PERSONE PER FURTO DI ENERGIA ELETTRICA. OCCUPAVANO ABUSIVAMENTE APPARTAMENTI DI PROPRIETA’ DELL’INPS.

Cinque persone sono state arrestate dai Carabinieri della Stazione Roma Villa Bonelli con l’accusa di furto aggravato in concorso.

Si tratta di 3 uomini e due donne, tutti italiani, che dopo aver occupato abusivamente tre appartamenti di proprietà dell’Inps, ubicati in uno stabile di via Scarperia, hanno manomesso i relativi contatori dell’Acea in modo da alimentare permanentemente gli alloggi con l’energia elettrica.

Tecnici specializzati dell’azienda di fornitura elettrica sono intervenuti su richiesta dei Carabinieri per mettere in sicurezza gli impianti manomessi e per scollegare i pericolosi cavi di fortuna, utilizzati per prelevare fraudolentemente l’elettricità.

I cinque “ladri di corrente” sono ora in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento