Roma, a Villa Gordiani arrestato un altro rifornitore di droga dei baby pusher. Sequestrati circa 820 grammi di cocaina

Dopo il 41enne arrestato nei giorni scorsi, i Carabinieri della Stazione Roma Prenestina, indagando nel mondo dello spaccio che alimenta il mercato in zona villa Gordiani, hanno arrestato un altro rifornitore di droga dei baby pusher. Si tratta di...

Dopo il 41enne arrestato nei giorni scorsi, i Carabinieri della Stazione Roma Prenestina, indagando nel mondo dello spaccio che alimenta il mercato in zona villa Gordiani, hanno arrestato un altro rifornitore di droga dei baby pusher. Si tratta di un cittadino romano di 61 anni, nullafacente e già noto alle forze dell’ordine.

I militari, seguendo la pista di alcuni piccoli spacciatori di strada minorenni e raccogliendo informazioni da consumatori che gravitano nella zona di Villa Gordiani e largo Agosta, sono riusciti ad arrestare un altro corriere.

Nel corso della perquisizione personale e domiciliare i militari hanno rinvenuto circa 820 g. di cocaina che rivenduta al dettaglio avrebbe fruttato quasi 50 mila euro, 15 g di hashish, già suddivisa in dosi, un bilancino elettronico di precisione, materiale vario per confezionare la droga e mille euro in contanti probabile provento dell’attività illecita. Sono in corso ulteriori accertamenti per risalire ai minorenni spacciatori assoldati dall’uomo e il giro di spacciatori che era riuscito a crearsi.

Dopo l’arresto è stato accompagnato in caserma e trattenuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria; lo stupefacente e il materiale sono stati sequestrati.

TORREVECCHIA – USUFRUISCE DI UN PERMESSO E TENTA DI TRUFFARE UN ANZIANO. CARABINIERI ARRESTANO 40ENNE GIA’ AGLI ARRESTI DOMICILIARI.

I Carabinieri della Stazione di Roma Monte Mario hanno arrestato un 40enne romano, già noto alle forze dell’ordine e sottoposto agli arresti domiciliari, per il reato di evasione e truffa aggravata ai danni di un 81enne di Roma.

L’uomo, agli arresti domiciliari in via Piolti de’ Bianchi, aveva richiesto e ottenuto dal Tribunale di Roma un permesso per allontanarsi dall’abitazione “per soddisfare esigenze di vita” e, ieri pomeriggio, a bordo del suo veicolo in zona Torrevecchia ha tentato di truffare un’anziana vittima con la nota “truffa dello specchietto”.

L’uomo ha tentato di estorcere denaro all’81enne simulando un finto sinistro stradale, ma i Carabinieri, in transito in quel momento lungo la via, lo hanno riconosciuto e arrestato.

POMEZIA – CARABINIERI ARRESTANO AUTORE DI ABUSI SESSUALI SU MINORENNE DISABILE.

A seguito di una speditiva e articolata attività investigativa, i Carabinieri della Compagnia di Pomezia hanno rintracciato e sottoposto a fermo di indiziato di delitto un cittadino indiano, irregolare in Italia, autore di una violenza sessuale ai danni di una minorenne disabile che abita in zona.

In particolare, il 27enne indiano, senza fissa e abituale dimora, dopo aver notato occasionalmente la vittima, una ragazza di anni 16, affetta da una disabilità di apprendimento, intenta a passeggiare in strada a Pomezia, l’ha avvicinata e dopo averla afferrata per un braccio l’ha costretta a seguirlo, minacciandola anche di morte, fino all’abitazione a lui in uso, al cui interno l’ha trattenuta per circa 30 minuti, l’ha palpata con forza e violenza nelle parti intime, mostrandole i genitali per poi lasciarla andare via, anche per le numerose telefonate ricevute dalla minore da parte dei genitori preoccupati della sua assenza. Al rientro a casa, la vittima, con evidenti ecchimosi al volto e al petto, raccontava parzialmente i fatti ai genitori che richiedevano l’intervento dei Carabinieri e formalizzavano la denuncia.

Le successive e immediate indagini dei Carabinieri, volte all’individuazione del responsabile, anche grazie alla particolareggiata descrizione fornita dalla minore, hanno consentito di individuare l’autore dei fatti e di raccogliere a suo carico gravi indizi di colpevolezza.

L’uomo è stato localizzato la mattina seguente mentre indossava ancora gli abiti e gli accessori descritti dalla vittima ed emergenti anche dalle immagini estrapolate dagli impianti di videosorveglianza di alcuni esercizi commerciali presenti sul percorso indicato dalla minore in cui è ripresa mentre viene condotta all’interno dell’abitazione.

Visitata presso l’ospedale Sant’Eugenio di Roma, la minore ha riportato ecchimosi varie ed è stata dimessa con 5 giorni di prognosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’autore del brutale gesto è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Velletri in stato di fermo e ieri mattina il Tribunale di Velletri, concordando e avvallando l’operato dei Carabinieri della Compagnia di Pomezia, ha disposto la misura cautelare della detenzione in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento