Roma, al policlinico gemelli ruba ai pazienti ricoverati in cardiologia

Scoperto dal personale di vigilanza interna e arrestato. Nel pomeriggio di ieri, un romano di 51 anni, con precedenti e attualmente sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di firma, è stato sorpreso dal personale  della sicurezza interna del...

Scoperto dal personale di vigilanza interna e arrestato. Nel pomeriggio di ieri, un romano di 51 anni, con precedenti e attualmente sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di firma, è stato sorpreso dal personale della sicurezza interna del Policlinico Universitario A. Gemelli subito dopo aver rubato un portafoglio, un tablet e un cellulare a tre diversi pazienti ricoverati nel reparto di cardiologia.

Sul posto sono immediatamente intervenuti i Carabinieri della Stazione Roma Monte Mario che lo hanno arrestato con l’accusa di furto aggravato.

L’attenta vigilanza del personale di sicurezza interna del Policlinico ha consentito di notare lo strano atteggiamento del 51enne che è stato fermato e trovato in possesso degli oggetti appena asportati in alcune stanze del reparto ad ignari degenti.

La refurtiva è stata interamente recuperata e restituita ai legittimi proprietari mentre il ladro è stato trattenuto ai domiciliari in attesa del processo. Dai riscontri effettuati dai Carabinieri alla banca dati, l’uomo è risultato essere in atto sottoposto alla misura dell’obbligo di firma per reati analoghi.

VILLA TORLONIA – DENUNCIATI DAI CARABINIERI 2 “TOPI” D’APPARTAMENTO JUNIOR

Nella tarda serata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Parioli hanno denunciato a piede libero due giovanissimi “topi” d’appartamento, rispettivamente di 14 e 15 anni, nomadi provenienti dall’insediamento di via di Salone.

Una segnalazione giunta al “112” ha allertato i militari su rumori e movimenti sospetti provenienti da un appartamento ubicato al 2° piano di un condominio di via Fracastoro, zona Villa Torlonia.

Quando i Carabinieri sono arrivati sul posto hanno intercettato e bloccato i due giovani nomadi mentre stavano tentando di fuggire dallo stabile.

In loro possesso, oltre a vari arnesi per lo scasso, è stata trovata la somma di 300 euro circa appena rubata dall’appartamento “visitato”, di proprietà di un 55enne originario di Napoli, ma da tempo residente a Roma, al momento non presente nella casa.

I ladruncoli erano riusciti a penetrare nell’appartamento dopo aver forzato una finestra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli arnesi per lo scasso e il denaro sono stati sequestrati, mentre i nomadi, dopo essere stati accompagnati in caserma per essere deferiti all’Autorità Giudiziaria, sono stati affidati ai rispettivi familiari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento