menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
guardia-di-finanza-2

guardia-di-finanza-2

Roma, commercialisti ed imprenditori frodavano l'Unione Europea. In carcere 4 persone

Finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari e sequestri nei confronti di altrettante persone fisiche (imprenditori e commercialisti) e di tre società.

Finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari e sequestri nei confronti di altrettante persone fisiche (imprenditori e commercialisti) e di tre società.

L'indagine del Nucleo Polizia Tributaria di Roma ha preso avvio da una segnalazione inviata alla locale Procura della Repubblica dalla D.G. Connect della Commissione Europea, a seguito di una indagine interna dell'OLAF, l'Ufficio europeo per la Lotta Antifrode.

Gli accertamenti hanno permesso di fare luce su una complessa frode ai danni del bilancio dell'Unione Europea, perpetrato da tre società (di cui una di diritto rumeno), finalizzato a drenare risorse finanziarie pari ad oltre 1,5 milioni di euro, stanziate nell'ambito di nove progetti comunitari.

Tali progetti consistevano nella consulenza aziendale e gestionale, rivolta a soggetti operanti in Europa nei settori dell'inclusione sociale e della sanità, al fine di favorirne la partecipazione alle attività nazionali ed internazionali.

Allo stato, le Fiamme Gialle hanno accertato condotte fraudolente, perpetrate attraverso l'utilizzo di documentazione fiscale falsa predisposta allo scopo dai titolari di uno studio commercialistico di Roma e l'impiego di "prestanomi" che risultavano fittiziamente "consulenti" ed "esperti" nelle attività finanziate con le risorse comunitarie, tutti destinatari di ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

Sono stati, altresì, sottoposti a sequestro preventivo conti correnti bancari, beni mobili e immobili fino alla concorrenza dell'importo finanziato, nella disponibilità dei soggetti indagati e delle società coinvolte nel sistema criminoso per oltre 1,5 milioni di euro.

L'operazione si inserisce nel più ampio contesto delle attività repressive svolte dalla Guardia di Finanza e dall'Autorità Giudiziaria capitolina a tutela delle uscite del bilancio dell'Unione Europea e dello Stato italiano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento