Roma, #domenicalmuseo musei gratis per tutti

Domenica 6 agosto, ore 17.30“Rivivere la Storia: consacrare lo spazio”.Villa Giulia protagonista per un pomeriggio della rievocazione storica con la collaborazione del Gruppo Storico Romano

Valle Giulia-2

Domenica 6 agosto, ore 17.30“Rivivere la Storia: consacrare lo spazio”.Villa Giulia protagonista per un pomeriggio della rievocazione storica con la collaborazione del Gruppo Storico Romano

L’arte e la tecnica di delimitare lo spazio e interpretare gli auspici, ossia l’espressione del volere della divinità, è senza dubbio una delle eredità religiose e rituali più importanti che gli Etruschi hanno lasciato ai Romani. Così rilevante da essere stata scrupolosamente seguita in momenti essenziali della vita della città, come la sua stessa fondazione (avvenuta etrusco ritu) o la consacrazione regale di Numa Pompilio, per poi continuare a rimanere in uso per tutto l’Impero, con un conservatorismo e una tutela della tradizione che hanno sempre costituito una delle peculiarità dell’universo religioso romano. Degno erede di quel patrimonio rituale che faceva apparire gli Etruschi agli occhi del celebre storico latino Tito Livio “i più religiosi degli uomini”: «gens… ante omnes alias eo magis dedita religionibus, quod excelleret arte colendi eas» (LIV., V, 1, 6).

Di tutto questo verrà dato un saggio in occasione della prossima prima domenica del mese, che prevede l’ingresso gratuito nei luoghi della cultura statali.

Alle 17.30, infatti, grazie alla preziosa collaborazione dei rievocatori del Gruppo Storico Romano, gli spettatori potranno rivivere, in tutti i suoi gesti e complessi dettagli, un rituale di fondazione, accompagnato dal racconto e dal commento storico del Direttore del Museo Valentino Nizzo.

Una occasione inconsueta e unica per sentirsi protagonisti della storia rivivendola in prima persona. Esperienza che solo la rievocazione storica e ciò che più generalmente all’estero viene definito Museum Theatre consentono di fare, in un momento in cui sono state promosse iniziative legislative finalizzate a normare e codificare questa attività potenzialmente di grande importanza per un’efficace e, al tempo stesso, avvincente opera di mediazione culturale: valore aggiunto che molte istituzioni hanno finalmente cominciato a comprendere.

L’ingresso al Museo così come la partecipazione all’evento saranno naturalmente gratuiti per tutti, com’è ormai consuetudine la prima domenica del mese.

In questa occasione, per tutta la giornata, sarà anche possibile eccezionalmente visitare la sala degli Ori Castellani, solitamente chiusa per motivi di sicurezza in concomitanza delle domeniche gratuite.

Nel corso della giornata, inoltre, sarà possibile usufruire delle visite guidate in italiano (10.00, 12.00, 16.30, 18.00) e in inglese (16.30, 18.00) organizzate dalla Cooperativa Arteingioco al costo di € 6,00

Appuntamento presso la biglietteria.Non è necessaria la prenotazione

ROMA, SERE D’ESTATE AL MUSEO: 3 ORE A 3 EURO SABATO 5 AGOSTO “A SPASSO NEL TEMPO”

Apertura serale straordinaria di Villa Giulia e di Villa Poniatowski

5 Agosto. A spasso nel tempo. Sere d'estate a Villa Giulia (2)

Dall’età del Bronzo all’Ottocento passando per il Rinascimento, infinite sono le storie che possono essere raccontate “nel” e “dal” Museo di Villa Giulia, senza ovviamente tralasciare il fascino indiscusso della civiltà etrusca. Storie di Papi, principi, eroi, regine, lucumoni, bambini, sacerdotesse e le tante altre possibili anime di un museo. Tutte protagoniste per tre ore ricche di curiosità, segreti e sorprese da trascorrere, letteralmente, “a spasso nel tempo”.

Sarà dunque questo uno degli obiettivi della prossima sera d’estate al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, in programma sabato 5 agosto, con un’estensione straordinaria dell’orario fino alle 22.30.

Come è già avvenuto con sorprendente successo nelle prime tre serate, dalle 19.00 e fino alle 21,30 sarà possibile acquistare il biglietto al costo eccezionalmente scontato di 3 euro (ridotto a 1,50 per i cittadini dell’Unione europea di età compresa tra i 18 e i 25 anni e gli altri aventi diritto).

I minorenni e gli altri aventi diritto oltre ai titolari dello speciale abbonamento annuale al Museo avranno come sempre accesso gratuito al museo.

Nel biglietto sono comprese visite tematiche gratuite secondo il seguente programma: ore 19.30; 20.30

Il Teatro d’acque di Villa Giulia (a cura di Marcello Forgia)

Il percorso guidato (Ninfeo e acquedotto Vergine) consentirà al visitatore di apprezzare la scenografica architettura del primo “teatro d’acque” di Roma, alimentato dall’acquedotto di età romana, inaugurato da Agrippa nel 19 a.C.

ore 20.00

La collezione Castellani (a cura di Maria Paola Guidobaldi). Il racconto delle straordinarie creazioni di oreficeria della famiglia Castellani e della loro collezione di antichità, donata al Museo di Villa Giulia il 22 gennaio del 1919, con un approfondimento sulla vicenda del furto del 2013 e del suo insperato lieto fine grazie all’azione del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale

dell’Arma dei Carabinieri. I gioielli di recente recuperati e restituiti al museo sono ora eccezionalmente esposti nella Sala di Venere.

ore 20.45

Alla scoperta di Villa Poniatowski (a cura di Francesca Licordari) (prenotazione obbligatoria per gruppi max. 25 persone: mn-etru.comunicazione@beniculturali.it precisando numero di persone da prenotare). Il visitatore sarà guidato alla scoperta della splendida villa costruita nella seconda metà del XVI secolo e ristrutturata alla fine del Settecento da Giuseppe Valadier su commissione di Stanislao Poniatowski, nipote dell’ultimo re di Polonia. All’interno sono esposte le antichità provenienti dall’Umbria (Terni, Gualdo Tadino e Todi) e dal Lazio antico (in particolare da Satricum e da Palestrina con i sontuosi corredi delle tombe Barberini e Bernardini).

ore 20.45; 21.30

Il corpo ritrovato (a cura di Patrizia Petitti)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La visita guidata ad alcuni corredi datati tra i secoli XI e VII sec. a.C. illustrerà un peculiare aspetto del rituale funerario che caratterizza sepolture di rango elevato in cui il cui corpo del defunto, distrutto nel corso dell’incinerazione, è suggerito o recuperato da particolari elementi del corredo funebre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento