Roma, duro colpo alle piazze di spaccio dei quartieri San Basilio, Rebibbia e Fidene

Carabinieri arrestano 6 persone. sequestrate diverse centinaia di dosi di droga e 2.600 euro in contanti.

Carabinieri arrestano 6 persone. sequestrate diverse centinaia di dosi di droga e 2.600 euro in contanti.

In vari blitz antidroga, i Carabinieri della Compagnia Roma Montesacro hanno arrestato 6 persone, tutte italiane, con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

In manette quattro cittadini romani, uno della provincia di Siena e uno di Rieti, di età compresa tra i 17 e i 45 anni, molti di loro già noti alle forze dell’ordine. Tra loro c’è chi riforniva di cocaina, hashish e marijuana le piazze di spaccio dei quartieri San Basilio, Rebibbia e Fidene e chi vendeva le dosi al dettaglio.

In particolare, in piazza Gaspare Ambrosini, a San Basilio, i Carabinieri hanno colto in flagranza un 17enne e un 18enne mentre cedevano dosi di cocaina ad un tossicodipendente. Fermati e controllati, i Carabinieri hanno scoperto un doppio vano creato nella scatola dello sterzo della loro autovettura, dove sono state rinvenute altre dosi di stupefacente.

In possesso ai sei malviventi e nelle loro abitazioni, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato diverse centinaia di dosi di droga e circa 2.600 euro in contanti, ritenuto il provento delle loro attività illecite.

Degli arrestati, uno è in carcere a Regina Coeli, due sono agli arresti domiciliari, il minorenne è stato portato nel Centro Accoglienza Minori di via Virginia Agnelli e due trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo.

APPIA – AGGREDISCONO TITOLARE DI UN NEGOZIO DI GENERI ALIMENTARI PER RUBARGLI BOTTIGLIE DI SUPER ALCOLICI. ARRESTATI DAI CARABINIERI.

La scorsa notte, a seguito di una segnalazione giunta al NUE 112, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato due fratelli romani, di 26 e 28 anni, già noti alle forze dell’Ordine, con l’accusa di rapina aggravata in concorso, ai danni di un cittadino del Bangladesh di 39 anni.

I due sono entrati, poco prima della mezzanotte, in un negozio di generi alimentari e dopo aver preso alcune bottiglie di super alcolici, dagli scaffali del negozio, hanno cercato di andarsene senza pagare. Alla ferma reazione del titolare i due sono passati subito alle vie di fatto aggredendolo violentemente con calci e pugni. La vittima, dolorante e stordita dai colpi ricevuti, è comunque riuscita a dare l’allarme, così poco minuti dopo i due balordi sono stati rintracciati ed arrestati.

Nel frattempo il 39enne soccorso dai medici è stato accompagnato all’Ospedale San Giovanni e trattenuto in osservazione mentre, i rapinatori sono stati accompagnati in caserma. Successivamente su disposizione dell'Autorità Giudiziaria sono stati condotti presso il carcere di regina Coeli.

APPIA NUOVA – METTE IN ATTO LA “TRUFFA DELLO SPECCHIETTO”, CITTADINO ALBANESE ARRESTATO DAI CARABINIERI.

L’ennesimo caso della ormai celebre “truffa dello specchietto” è stato sventato dai Carabinieri della Stazione Roma Appia nel pomeriggio di ieri.

Un cittadino albanese di 33 anni proveniente da Alatri (FR) stava mettendo in scena la solita farsa per raggirare un ignaro automobilista di 62 anni residente ad Albano Laziale, additato quale responsabile di un fantomatico danneggiamento subìto dalla sua autovettura durante la circolazione.

In un primo momento, il 62enne è caduto dalle nuvole respingendo ogni addebito, poi, grazie alla “verve teatrale” del 33enne, si è convinto di aver urtato il veicolo, tanto da consegnare 50 euro nelle mani dell’uomo quale risarcimento del danno, con tanto di scuse.

In realtà, come risaputo, il danno era stato precedentemente causato ad hoc, proprio per indurre le potenziali vittime in errore e farle cadere nella trappola.

A notare la scena da lontano, però, c’erano anche i Carabinieri della Stazione Roma Appia che, intuito quanto stava accadendo, si sono avvicinati facendo saltare la trattativa e smascherando il truffatore.

La somma di denaro è stata restituita al legittimo proprietario mentre il 33enne, arrestato con l’accusa di truffa aggravata, è stato trattenuto in caserma in attesa di essere sottoposto al rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento