Roma, fotografano un incontro hot a tre e poi ricattano il cliente conosciuto su fb. 2 ragazze arrestate per estorsione

I Carabinieri della Stazione Roma San Paolo hanno arrestato 2 ragazze, di 22 e 25 anni, di Chieti, per aver tentato di estorcere denaro ad un ragazzo di 26 anni di Roma, con il quale avevano avuto un incontro sessuale a pagamento.

I Carabinieri della Stazione Roma San Paolo hanno arrestato 2 ragazze, di 22 e 25 anni, di Chieti, per aver tentato di estorcere denaro ad un ragazzo di 26 anni di Roma, con il quale avevano avuto un incontro sessuale a pagamento.

Le ragazze e il cliente si erano conosciuti su Facebook per poi proseguire la discussione in una chat chiusa, tematica per amanti di sesso estremo e feticisti. Da qui i tre si scambiano i numeri del telefonino per definire i dettagli dell’incontro che avviene in un appartamento preso in affitto, per pochi giorni, dalle ragazze in zona San Lorenzo. Durante le pratiche a luci rosse il ragazzo non si accorge però di essere fotografato dalle stesse ragazze e terminato l’incontro rientra a casa.

Qui comincia l’incubo, le ragazze gli mandano una foto esplicita del loro incontro, tramite WhatsApp, e lo minacciano di rivelare il suo “vizietto”, pubblicando le foto sul suo profilo Facebook se non avesse consegnato loro 500 euro.

Il ragazzo non cede e, dopo varie richieste, si rivolge ai Carabinieri della Stazione Roma San Paolo che organizzano la trappola per le due ragazze. La vittima finge di cedere alla minaccia estorsiva e da appuntamento alle due in piazza dei Cinquecento dove però si presentano anche i Carabinieri in borghese che a distanza seguono lo scambio e poi intervengono bloccando e arrestando le ragazze.

La perquisizione personale ha consentito di rinvenire due smartphone e un tablet con le foto “rubate” durante l’incontro.

Non si esclude che le due ragazze, che ora si trovano a Rebibbia, possano aver già colpito in precedenza per cui sono in corso ulteriori indagini da parte dei Carabinieri.

TRIONFALE, FERISCE L’EX COMPAGNO CON UN COLTELLINO DOPO UNA LITE. CARABINIERI ARRESTANO UNA 35ENNE PER STALKING.

I Carabinieri della Stazione Roma Trionfale hanno arrestato una cittadina romena, di 35 anni, già conosciuta alle forze dell’ordine, con l’accusa di atti persecutori ai danni dell’ex compagno. L’episodio è avvenuto la scorsa notte in via Bovio, dove la donna a seguito di un acceso diverbio, scaturito per futili motivi, con l’ex compagno, un romano di 32 anni, lo ha aggredito e colpito con un coltello, provocandogli delle ferite multiple, superficiali al petto e alla schiena.

La vittima è stata soccorsa e medicata presso l’ospedale Santo Spirito e dimesso con 7 giorni di prognosi. La donna è stata rintracciata, ammanettata e portata in caserma. Nel corso degli accertamenti effettuati dai militari è emerso che tali episodi di violenza avvenivano da circa un anno e mezzo, ed erano già stati denunciati dal ragazzo che in più occasioni aveva richiesto l’intervento dei Carabinieri al 112.

Il giovane aveva deciso di troncare la relazione di convivenza con la donna che aveva intrapreso nel 2010. La sua decisione di finire la relazione gli è costata cara, infatti la 35enne dopo la separazione, ha iniziato a pedinarlo, lo aggrediva fisicamente e verbalmente costringendolo a vivere in un clima di terrore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo l’arresto la stalker è stata condotta presso il carcere di Rebibbia Femminile, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento