rotate-mobile
Cronaca

Roma,  gli automezzi per le traduzioni sono da rottamare

Fuori uso da tempo, lasciati inutilizzati e rotti in giro per l’Italia e in larga parte da rottamare. E’ questa la desolante situazione del parco automezzi per le traduzioni e i piantonamenti del Polo Penitenziario di Rebibbia secondo la...

Fuori uso da tempo, lasciati inutilizzati e rotti in giro per l?Italia e in larga parte da rottamare. E? questa la desolante situazione del parco automezzi per le traduzioni e i piantonamenti del Polo Penitenziario di Rebibbia secondo la lettera/denuncia inviata dalla CGIL Fp alle direzioni delle carceri e al Prap e ripresa dal Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni.

Il Garante ha espresso la propria solidarietà agli agenti di polizia penitenziaria, costretti a lavorare in condizioni critiche, con automezzi che non rispetterebbero neanche la normativa vigente in tema di limiti imposti per l?inquinamento.

«Ho ritenuto di approfondire la denuncia della FP CGIL - ha detto Angiolo Marroni - ed ho interessato della vicenda le direzioni delle carceri del Polo di Rebibbia e il Provveditorato Regionale dell?Amministrazione Penitenziaria affinché verifichino la situazione. Occorre intervenire immediatamente prevedendo, nel caso, anche l?ammodernamento del parco macchine, al fine di garantire la sicurezza dei detenuti e degli agenti penitenziari che si trovano quotidianamente a svolgere un lavoro tanto delicato ».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma,  gli automezzi per le traduzioni sono da rottamare

FrosinoneToday è in caricamento