Roma, in centro, ruba il telefono dalla borsa di una donna il marito carabiniere lo arresta

Un Carabiniere libero dal servizio, in servizio presso la Stazione di Roma Casalbertone, ha arrestato un cittadino di nazionalità albanese, di 29 anni, senza fissa dimora, che aveva appena rubato il telefono cellullare alla moglie con la quale...

Un Carabiniere libero dal servizio, in servizio presso la Stazione di Roma Casalbertone, ha arrestato un cittadino di nazionalità albanese, di 29 anni, senza fissa dimora, che aveva appena rubato il telefono cellullare alla moglie con la quale stava passeggiando in Largo Argentina.

Nello specifico, il cittadino albanese, posizionatosi alle spalle della coppia, con una mossa fulminea, è riuscito a sottrarre lo smartphone dall’interno della borsa della donna, non passando inosservato agli occhi del “marito Carabiniere” che lo ha bloccato dopo un breve inseguimento a piedi.

L’arrestato è stato dunque portato in caserma, con l’ausilio di una pattuglia di Carabinieri della Compagnia Piazza Dante, in attesa del rito direttissimo.

CENTRO STORICO – OFFENSIVA DEI CARABINIERI CONTRO L’ABUSIVISIMO COMMERCIALE, 26 VENDITORI AMBULANTI FUORILEGGE SANZIONATI. CONTROLLATI ANCHE MINIMARKET GESTITI DA CITTADINI BENGALESI. INGENTE SEQUESTRO DI MERCE, ANCHE CON MARCHI CONTRAFFATTI

Ottocentosessantasei pezzi di articoli vari tra cui rose, ombrelli, impermeabili, caricabatterie, “Power Bank”, aste per “selfie”, palline di gomma, giocattolini in legno, braccialetti, sciarpe, borse, ma anche bottiglie di Coca-Cola e di birra, è l’ingente sequestro operato, nella sola giornata di ieri, dai Carabinieri della Compagnia Roma Centro a conclusione di un servizio coordinato scattato in tutta l’area del Centro Storico della Capitale che ha visto l’impiego di decine di militari dei Comandi Stazione Roma piazza Farnese, Roma San Lorenzo in Lucina e del Comando Roma piazza Venezia.

Sono stati ben 26 i venditori ambulanti fuorilegge sorpresi in azione in punti strategici dal punto di vista turistico: via dei Condotti, via del Corso, piazza di Spagna, piazza Mignanelli, via Due Macelli, piazza del Popolo, Fontana di Trevi, piazza Navona, Corso Vittorio Emanuele II, sono solo alcune delle zone passate al setaccio dai Carabinieri impegnati nell’operazione.

Gli ambulanti fermati - 25 cittadini del Bangladesh ed un cittadino del Senegal, tutti di età compresa tra i 19 e i 48 anni – sono stati sanzionati per “vendita ambulante di prodotti non alimentari senza preventiva autorizzazione”.

Eseguiti anche mirati controlli ai minimarket gestiti da cittadini extracomunitari: in uno, ubicato in corso Rinascimento, i Carabinieri hanno sequestrato 38 bottiglie di bibite e 13 bottiglie di birre varie sprovviste della prevista etichettatura in lingua italiana. Per questo motivo al titolare, un cittadino del Bangladesh di 26 anni, è stata contestata la sanzione amministrativa per “vendita di prodotti alimentari con etichetta priva di indicazioni in italiano”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante l’operazione i Carabinieri hanno sequestrato anche numerosi vari articoli che una decina di venditori ambulanti abusivi hanno abbandonato a terra per darsi più agevolmente alla fuga alla vista dei militari. Tra la merce lasciata a terra sono spuntate anche 23 borse da donna con marchi delle griffe più in voga, risultati contraffatti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento