menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roma, in via Cavour accerchiano una turista inglese e le rubano la telecamera. Arrestate in tre

Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato tre cittadine nomadi rispettivamente di 15, 25 e 39 anni, perlopiù già note alle forze dell’ordine, con l’accusa di furto aggravato in concorso.

Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato tre cittadine nomadi rispettivamente di 15, 25 e 39 anni, perlopiù già note alle forze dell'ordine, con l'accusa di furto aggravato in concorso.Le tre donne, in via Cavour, hanno avvicinato una 21enne inglese, nella Capitale per turismo e dopo averla accerchiata le hanno rubato la telecamera, fuggendo via.

La vittima accortasi di quanto accaduto le ha subito inseguite, attirando l'attenzione di un pattuglia dei Carabinieri in transito che è intervenuta bloccando le ladre e recuperando anche la refurtiva che è stata poi riconsegnata alla turista straniera.

Arrestate dai Carabinieri, le due donne maggiorenni, al termine delle formalità di rito sono state associate presso il carcere di Rebibbia mentre la minorenne è stata accompagnata presso il Centro di prima Accoglienza di via Virginia Agnelli, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria

TERMINI - UBRIACO, SORPRESO DAI CARABINIERI ALLA GUIDA DEL SUO SUV, DENUNCIATO.

Questa mattina, in piazza Indipendenza, in zona Termini, un 50enne cittadino romano, incensurato, in evidente stato di ebbrezza alcolica è stato fermato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Centro, alla guida del suo Suv durante un normale controllo della circolazione stradale.

L'uomo, a seguito dell'accertamento dei militari dell'Arma, mediante etilometro è risultato positivo per abuso di sostanze alcoliche.

Così per il 50enne oltre ad una multa salatissima è scattata anche la denuncia a piede libero per guida in stato di ebbrezza alcolica.

ROMA - BANDA DI LADRI D'APPARTAMENTO IN AZIONE A NATALE, SCOPERTA ED ARRESTATA DAI CARABINIERI

Nell'ambito dei servizi pianificati e programmati dai Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, in occasione delle Festività natalizie e di fine anno, volti anche a reprimere i fenomeni criminali contro il patrimonio, che prevede il rinforzo dei quotidiani servizi di controllo del territorio di Roma e Provincia, i Carabinieri della Compagnia di Pomezia hanno sgominato una banda dedita ai furti in appartamento.

Ieri sera, verso le 23 circa, in via Amaldi, in zona ponte Laurentina, una pattuglia dei Carabinieri della Stazione Roma Divino Amore, ha notato due uomini scavalcare la recinzione di un condominio per poi salire a bordo di un'autovettura con a bordo altri tre componenti della gang che li attendevano, per poi partire immediatamente. I militari subito li hanno inseguiti bloccando l'auto in via Laurentina.

La successiva perquisizione dell'auto ha permesso ai Carabinieri di rinvenire 4 zainetti colmi di refurtiva asportata poco prima in almeno 4 appartamenti di quel condominio e di quelli della zona Laurentino ed Eur, oltre ad arnesi atti allo scasso.

La banda composta da 5 soggetti, tra cui una donna italiana, due cittadini bosniaci e due cittadini romeni, di età compresa trai i 22 e 34, perlopiù già noti alle forze dell'ordine, che dovranno rispondere di furto in abitazione in concorso continuato, solo nella serata di ieri erano riusciti a garantirsi un bottino composto da: nr. 15 orologi di varie marche e modelli; nr. 5 anelli; nr. 38 paia di orecchini; nr. 21 bracciali; nr. 31 collane; nr. 21 monete antiche; altre spille e ciondoli nonché' vari oggetti di bigiotteria.

I militari della Compagnia di Pomezia e del Comando Stazione Roma Divino Amore sono riusciti a ricostruire anche il modus operandi con il quale i malviventi si sono introdotti negli appartamenti anche posti a piani elevati di condomini in zone residenziali. Grazie al fisico esile, due dei componenti si arrampicavano sulle canaline delle grondaie dei palazzi per poi raggiungere i balconi e infrangevano i vetri delle rispettive porte finestre.

Il più giovane degli arrestati si era addirittura tolto una sua calza per raccogliere i monili derubati in una delle abitazioni.

Una minima parte degli oggetti rinvenuti è stata riconsegnata nel corso della serata ai proprietari dell'ultimo appartamento dove erano stati visti scappare i malviventi mentre per il resto dei preziosi i militari stanno eseguendo accertamenti sulla loro provenienza per risalire ai proprietari degli appartamenti derubati nella giornata del Santo Natale

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento