Roma, in via cipro arresta pusher albanese che abbandona lo scooter con 2 chili di hashish sotto la sella

A conclusione di una attività antidroga, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma San Pietro hanno arrestato un cittadino albanese, incensurato, di 38 anni, domiciliato a Roma, ma irregolare sul territorio nazionale, con l’accusa...

Roma, in via cipro arresta pusher albanese che abbandona lo scooter con 2 chili di hashish sotto la sella

A conclusione di una attività antidroga, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma San Pietro hanno arrestato un cittadino albanese, incensurato, di 38 anni, domiciliato a Roma, ma irregolare sul territorio nazionale, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale.

Lo straniero era stato notato alcuni giorni fa mentre, a bordo di uno scooter di grossa cilindrata, si aggirava con fare sospetto nei pressi di Via Cipro. Da li, la decisione dei militari di procedere al suo controllo.

Avvicinandosi, l’uomo, intuendo le intenzioni dei militari, ha abbandonato il mezzo ed è fuggito a piedi, riuscendo così a far perdere le tracce. All’interno del vano sottosella i militari, a seguito della perquisizione del mezzo, hanno rinvenuto e sequestrato ben 2 kg di hashish, suddivisi in 20 panetti da 100 grammi l’uno.

La successiva attività d’indagine ha permesso in poco più di 48 ore di risalire all’identità dello straniero. I militari sono prima risaliti ad una 33enne, romana, moglie del cugino dello straniero e proprietaria dello scooter. Nell’abitazione della donna nel corso della perquisizione i militari hanno rinvenuto e sequestrato la somma contante di 8.150 euro. Il denaro contante era suddiviso in banconote di diverso taglio e considerato provento dell’illecita attività di spaccio dell’arrestato. Poi hanno effettuato una seconda perquisizione, in questo caso con esito negativo, presso la pizzeria del cugino ed in fine l’ultima perquisizione presso l’abitazione del fratello, dove i militari hanno rinvenuto e sequestrato un bilancino di precisione ed un sacchetto contenente 100 g circa, di mannite.

Grazie alle incensanti attività di ricerca, proseguite notte e giorno, i militari sono riusciti a rintracciare l’albanese, che è stato così sottoposto a fermo, e successivamente condotto presso la Casa Circondariale di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

ALESSANDRINO – CARABINIERI ARRESTANO TRE PERSONE PER RISSA. SI ERANO AFFRONTATI PER MOTIVI DI VIABILITA’.

Sono stati arrestati dai Carabinieri della Stazione Roma Tor Tre Teste con l’accusa di rissa aggravata e lesioni personali dopo essersi affrontati senza esclusione di colpi in via degli Olmi, quartiere Alessandrino.

I protagonisti della vicenda sono un padre di 69 anni, originario della provincia di Frosinone ma da tempo residente a Roma e già conosciuto alle forze dell’ordine, il figlio 44enne di quest’ultimo, incensurato, e un terzo automobilista, un romano di 58 anni, anch’egli già conosciuto alle forze dell’ordine.

Forse una precedenza non data o una scorrettezza commessa al volante, sta di fatto che quando i Carabinieri sono arrivati nel punto indicato da alcuni testimoni, hanno sorpreso i tre ancora impegnati in una furibonda zuffa, a seguito della quale sono finiti tutti in ospedale.

Ad avere la peggio è stato il 69enne che ha riportato la frattura alla mano destra, con prognosi di 30 gg; il figlio, invece, ha riportato un trauma cranico e contusioni multiple giudicate guaribili in 5 giorni; il terzo contendente, infine, ha riportato un trauma del volto e ne avrà per 10 giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo le cure del caso, i tre sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento