Roma, operazione “natale sicuro” dei carabinieri

Nel mirino dei militari i clonatori di carte di credito e bancomat. 6 persone arrestate, applicavano agli sportelli bancomat le apparecchiature per la clonazione delle carte.

Nel mirino dei militari i clonatori di carte di credito e bancomat. 6 persone arrestate, applicavano agli sportelli bancomat le apparecchiature per la clonazione delle carte.

Sei persone arrestate, sorprese mentre applicavano e poi smontavano apparecchiature per la clonazione da sportelli bancomat del centro di Roma, è frutto di una meticolosa indagine che si inserisce nel piano di controllo straordinario “Natale Sicuro” messo in atto dai Carabinieri del Comando Provinciale di Roma. Nel mirino dei Carabinieri, oltre a borseggiatori, scippatori e rapinatori di attività commerciali, ci sono infatti soprattutto gli autori dei cosiddetti “reati canaglia”: autori di artifici e raggiri che colpiscono i più deboli o ignari cittadini che in questi giorni che precedono il Natale affollano le vie del Centro Storico. In tale contesto, l’attenzione dei militari è rivolta agli sportelli bancomat che, soprattutto nel fine settimana, vengono manomessi da bande di clonatori, principalmente cittadini dell’Est Europa, per rubare i codici delle bande magnetiche e i PIN delle carte di credito e bancomat degli inconsapevoli utilizzatori.

Nello specifico, i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato 3 persone in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misure cautelari, emessa dal GIP del Tribunale di Roma, per i reati di associazione per delinquere, finalizzata alla clonazione di carte di credito previa illecita captazione dei codici P.I.N. (Personal Identification Number) e P.A.N. (Personal Account Number) mediante l’installazione di apparecchiature elettroniche “skimmer” su sportelli ATM Bancomat. Altri 3 appartenenti all’organizzazione sono già reclusi perché arrestati nei giorni scorsi in flagranza di reato.

L’ordinanza è stata emessa dal GIP del Tribunale dei Roma, Dott. Maurizio Caivano, che ha accolto le richieste avanzate dal Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Roma, Dott.ssa Nadia Plastina.

Grazie anche al supporto dei Servizi Interbancari, di attività tecniche, di analisi dei tabulati del traffico telefonico e telematico, nonché dei servizi di osservazione e pedinamento, anche informatico con il monitoraggio dei profili social-network, i Carabinieri hanno disarticolato un sodalizio criminale composto dunque da 6 persone, tutte di nazionalità romena, specializzate nella manomissione degli sportelli bancomat come descritto, nella successiva clonazione delle carte di credito e bancomat e nell’utilizzo fraudolento delle carte clonate.

Gli sportelli bancomat venivano scelti accuratamente tra quelli più frequentati del centro storico capitolino (Via del Corso, Corso Vittorio Emanuele II, Largo di Torre Argentina e San Pietro).

Dopo essersi impossessati dei codici PIN e PAN, mediante l’uso di sofisticati software e apparecchiature appositamente costruite, li riversavano su supporti magnetici “vergini” con i quali effettuavano prelievi di denaro contante, utilizzando i PIN, per svariate migliaia di euro presso altri sportelli ATM. Talvolta i dati rubati venivano inviati, tramite social network come Facebook e Telegram, in altri Paesi Extraeuropei dove complici, in fase di identificazione, effettuavano poi i prelievi di denaro contante.

Inoltre è stata scoperta la clonazione di un indefinito numero di carte bancarie, transitate presso gli sportelli A.T.M. manomessi, numero non incrementato ulteriormente solo grazie all’intervento dei Carabinieri, che spesso hanno sequestrato le apparecchiature, salvaguardando quindi i dati di migliaia di ignari turisti e cittadini della Città Eterna.

Le attività investigative, condotte dalla Stazione Carabinieri Roma–San Lorenzo in Lucina, hanno consentito di sequestrare apparecchiature “Skimmer Device”, composte da micro-telecamere occultate all’interno di apposite cover posticce, applicate sulla struttura originale dello sportello Bancomat (in grado di filmare i codici PIN digitati), e da lettori di banda magnetica (skimmer) posizionati nelle feritoie di introduzione delle carte di pagamento (in grado di leggere e copiare le numerazioni PAN impresse sulle bande magnetiche dei supporti magnetici stessi).

CONSIGLI TEMATICI, DAL SITO ISTITUZIONALE DELL’ARMA DEI CARABINIERI

https://www.carabinieri.it/cittadino/consigli/tematici/giorno-per-giorno/la-carta-di-credito/carta-di-credito

Presso gli sportelli bancomat, prima di qualsiasi prelievo:

  • verificate che nelle immediate vicinanze non vi siano persone ferme in atteggiamento sospetto;
  • accertatevi che sullo sportello non siano state applicate apparecchiature posticce, controllando, ad esempio, la fessura ove viene inserita la carta (per l'eventuale presenza di skimmer, fili o nastro adesivo sospetto) oppure l'aderenza della tastiera al corpo dello sportello (verificando che non vi siano due tastiere sovrapposte) - queste applicazioni, è bene ricordarlo, non inficiano l'operazione da svolgere, per cui al termine della stessa non potremo neppure accorgerci della duplicazione del nostro codice-;
  • controllate che non vi siano fori anomali all'interno dello sportello (specialmente sul lato superiore), ove potrebbero trovare eventuale alloggiamento microtelecamere (queste non superano il mezzo centimetro di diametro);
  • Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
  • qualora abbiate il sospetto che lo sportello sia stato manomesso chiamate il "112".

Durante l'operazione di digitazione del vostro codice, utilizzate una protezione "visiva" (anche l'altra mano, ben collocata, o il portafogli stesso possono essere sufficienti) che renda effettivamente difficoltoso, per potenziali "spioni", prendere conoscenza del codice attraverso microtelecamere in precedenza installate. Qualora al termine dell'operazione non vi venga restituita la carta, è buona norma chiamare subito il numero verde per bloccarla. ROMA, OPERAZIONE ANTIDROGA NELLA MOVIDA NATALIZIA A SAN LORENZO 5 arresti e sequestrato mezzo chilo di cocaina,eroina e hashish .Mezzo chilo di droga tra i locali della movida natalizia a San Lorenzo, è quanto hanno sequestrato i Carabinieri della Compagnia di Roma Piazza Dante dopo aver arrestato 5 persone con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In manette sono finiti due cittadini nigeriani, due marocchini e uno della Costa d’Avorio, di età compresa tra i 21 e 41 anni, tutti senza fissa dimora e con precedenti. Durante l’attività antidroga che si inserisce nel piano di controllo straordinario “Natale Sicuro” del Comando Provinciale di Roma, i Carabinieri hanno notato i 5 stranieri aggirarsi con fare sospetto tra i locali del quartiere, affollati di giovani e turisti. Nelle loro tasche, i militari hanno rinvenuto dosi di cocaina, eroina e hashish, pronte alla vendita. Prontamente bloccati, gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti in attesa del rito direttissimo. ROMA, ALL’EUR ARRESTATO TASSISTA PUSHER Usava il suo taxi per passare inosservato e spacciare indisturbato dosi di cocaina. Così un romano di 40 anni, con precedenti, ieri sera, è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, in via Cristoforo Colombo. Nello specifico, i Carabinieri, in transito, hanno notato l’autovettura in sosta, subito dopo l’incrocio con via Domiziano, insospettiti si sono subito avvicinati e hanno visto il 40 enne mentre cedeva degli involucri ad un cliente seduto posteriormente all’interno del suo taxi. A quel punto i militari sono intervenuti ed hanno scoperto che si trattava di cocaina. Perquisiti taxi e tassista, i Carabinieri hanno rinvenuto altre dosi della stessa sostanza e denaro contante, provento dall’attività illecita. Il tassista pusher 40enne è stato arrestato e portato in caserma, trattenuto in attesa del rito direttissimo, il cliente segnalato al Prefetto quale assuntore di stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento