Cronaca

Roma, preso l'uomo che aveva sparato ai ragazzi che giocavano a pallone in via G. Imperatore

Nella tarda serata di ieri, la locale sala operativa della Questura, ha segnalato in via Giustiniano Imperatore, l’esplosione di colpi d’arma da fuoco da parte di un uomo armato di una pistola, con conseguente ferimento ad un braccio di un ragazzo...

Nella tarda serata di ieri, la locale sala operativa della Questura, ha segnalato in via Giustiniano Imperatore, l'esplosione di colpi d'arma da fuoco da parte di un uomo armato di una pistola, con conseguente ferimento ad un braccio di un ragazzo di ventidue anni.

Il personale della VI Sezione "Contrasto al Crimine Diffuso" della Squadra Mobile intervenuto sul posto, ha rintracciato un uomo, perfettamente corrispondente alle caratteristiche segnalate che, sottoposto ad attività di perquisizione locale è risultato possessore di una pistola revolver 357 Magnum marca Smith & Wesson.

Mentre il personale del locale Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica ha proceduto ai rilievi di competenza, alla repertazione del materiale rinvenuto ed all'accertamento cd. "stub" sulla persona dello sparatore, la Squadra Mobile ha identificato ed interrogato sei testimoni oculari dell'evento delittuoso che hanno reso dichiarazioni concordi ed univoche tali da poter ricostruire in poche ore la dinamica della vicenda.

Nel dettaglio, i giovani ragazzi, intenti a giocare a pallone all'interno del cortile condominiale, venivano avvicinati dal R.A. incensurato di anni 57 il quale, dopo essere uscito dal portone infastidito dal loro vociare, ha cercato di impossessarsi da uno dei giovani del pallone ed, al suo diniego, lo ha colpito al volto con un pugno. Ne è nata una colluttazione al termine della quale il R.A. ha estratto il revolver e, dopo aver puntato l'arma all'altezza del petto del ventiduenne, ha esploso un primo colpo d'arma da fuoco che solo fortuitamente non ha colpito il ragazzo. Dopo pochi attimi l'uomo ha puntato la pistola all'altezza del viso di L.N., anch'egli di 22 anni, per poi esplodere stavolta verso il basso un secondo colpo che, dopo aver colpito il pavimento, è rimbalzato ed ha attinto il predetto all'avambraccio sinistro.

Essendo emersi chiari e univoci elementi di reità a carico del R.A., riconosciuto in sede si attività d'individuazione fotografica dai testi escussi, lo stesso è stato dichiarato in stato di arresto ed associato presso la casa circondariale di Regina Coeli a disposizione dell'Autorità giudiziaria procedente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, preso l'uomo che aveva sparato ai ragazzi che giocavano a pallone in via G. Imperatore

FrosinoneToday è in caricamento