menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roma, rubavano e rivendevano abiti firmati. 10mila euro il giro d'affari mensile. 100mila euro il valore della merce recuperata

Dalle prime luci dell’alba di ieri, lunedì 3 agosto, i Carabinieri della Stazione Roma Medaglie d’Oro hanno eseguito 6 provvedimenti cautelari personali e 7 perquisizioni domiciliari, tutti nella provincia di Roma, a conclusione di un’operazione...

Dalle prime luci dell'alba di ieri, lunedì 3 agosto, i Carabinieri della Stazione Roma Medaglie d'Oro hanno eseguito 6 provvedimenti cautelari personali e 7 perquisizioni domiciliari, tutti nella provincia di Roma, a conclusione di un'operazione denominata "Vecchio Cashmere", finalizzata a sgominare un'organizzazione dedita al traffico di pregiati capi di abbigliamento provenienti da furti.

Dell'organizzazione, operante su Roma, ma anche in altre parti del territorio nazionale, per 3 persone sono scattati gli arresti domiciliari (un cittadino cileno, uno spagnolo e una donna romena) mentre per altre 3 (un uomo e due donne italiani) la misura dell'obbligo di firma. Gli indagati, in totale 7, sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al furto ed alla ricettazione.

Il furto degli abiti era, talvolta, commissionato da privati secondo precise indicazioni circa il modello, la marca, il colore, la taglia ed il tessuto del capo da rubare.

L'attività investigativa, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma, Dott.ssa Tiziana Cugini, è stata interamente condotta dai Carabinieri della Stazione Roma Medaglie D'Oro che, tra febbraio e aprile di quest'anno, sono riusciti a circostanziare le attività illecite del gruppo formato da quattro italiani, un cittadino spagnolo, un cittadino cileno e un cittadino romeno.

La banda era riuscita ad allestire un remunerativo sistema criminale incentrato sul furto e la ricettazione di capi di abbigliamento pregiati. Nel corso delle indagini, uno dei soggetti colpiti dall'odierna ordinanza era stato già denunciato a piede libero per tentato furto aggravato: era stato sorpreso mentre stava tentando di appropriarsi di 2 costosi cappotti marchiati Fay e Moncler in una boutique in zona Balduina.

Ogni giorno, gli indagati individuavano il negozio da colpire - meglio se specializzato nella vendita di capi di abbigliamento griffati - e scelti gli abiti da rubare in base alle richieste dei loro "clienti", mettevano a segno il furto utilizzando una borsa schermata, in grado, cioè, di eludere il segnale dei dispositivi elettronici antitaccheggio. A furto compiuto, il principale esponente del sodalizio criminale si occupava dell'immediata vendita della refurtiva a privati.

Il giro d'affari stimato dai Carabinieri si aggirava intorno ai 10.000 Euro mensili. Le 6 misure cautelari sono state eseguite nei confronti dei destinatari, tutti localizzati nella Provincia di Roma.

Nel corso dell'operazione e delle perquisizioni di ieri mattina, i Carabinieri hanno recuperato merce griffata, rubata dalla banda, per un valore totale di circa 100.000 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento