Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Roma, scoperta una banda che ha messo a segno centinaia di truffe agli anziani nel Lazio, Puglia e Liguria. 8 persone in manette

I Carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, al termine di un’indagine durata circa due anni, hanno arrestato 8 persone,

I Carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, al termine di un'indagine durata circa due anni, hanno arrestato 8 persone,

più una sottoposta all'obbligo di firma, tra Napoli, Caserta, Pozzuoli e Santa Maria Capua Vetere, facenti parte di un'associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffe in danno di anziani, per circa 4.500 - 5.000 euro a colpo. L'organizzazione, interamente sgominata dai Carabinieri, aveva esteso la sua attività criminale in ambito nazionale nel Lazio, in Puglia e in Liguria. Il modus operandi si avvaleva di un preciso copione, elaborato e collaudato da truffatori veterani e di consolidata esperienza, le vittime prescelte erano perlopiù pensionati ultrasessantenni nei confronti dei quali gli indagati hanno dimostrato totale insensibilità e particolare spietatezza e accanimento, anche quando queste manifestavano visibili precarie condizioni di salute fisica e mentale e, pur di condurre a termine l'attività criminosa, non si facevano scrupolo di usare contro di loro strumenti di odiosa sopraffazione, con vessazioni di carattere psicologico e verbale, fino al conseguimento dell'ingiusto profitto. Tra gli arrestati c'è anche una donna, la moglie del capo che, pur non partecipando di regola alla fase esecutiva, aveva un ruolo attivo nell'associazione. Nel corso delle perquisizioni i Carabinieri hanno potuto constatare che gli ampi appartamenti in cui vivevano gli arrestati erano arredati di lusso estremo che stride con la loro condizione ufficiale di disoccupati e nullatenenti.

SAN LORENZO, VENDEVANO ALCOLICI OLTRE L'ORARIO DI CHIUSURA. I CARABINIERI CHIUDONO 2 LOCALI.Nell'ambito dei controlli alla movida nel quartiere San Lorenzo, effettuati nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante hanno scoperto alcuni locali che somministravano bevande alcoliche altre l'orario consentito, contravvenendo all'ordinanza che ne vieta la vendita dalla mezzanotte fino alle 6. A seguito della segnalazione, la Prefettura di Roma ha emesso un decreto di sospensione della licenza per 15 giorni che i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo hanno notificato ai titolari di due locali sanzionati. Si tratta di un negozio di alimentari di via degli Equi, che abitualmente vendeva bevande alcoliche oltre l'orario consentito, soprattutto a giovani avventori e di un altro locale, a via dello Scalo San Lorenzo.

PIAZZA VESCOVIO - RUBANO BOTTIGLIE DI WHISKY E CHAMPAGNE DA UN SUPERMERCATO E FUGGONO. ARRESTATI IN FLAGRANZA DAI CARABINIERI.

I Carabinieri della Stazione Roma Viale Libia, nel corso di alcuni controlli, hanno arrestato 3 cittadini romeni, senza fissa dimora, di 21, 24 e 37 anni, nullafacenti e già conosciuti alle forze dell'ordine, con l'accusa di furto aggravato in concorso. I militari li hanno intercettati in largo Forano mentre cercavano di dileguarsi a piedi con in mano delle bottiglie di champagne e whisky che avevano poco prima asportato da un supermercato li presente. Una volta bloccati sono stati ammanettati, le bottiglie, 5 di whisky e 5 di champagne, del valore di circa 300 euro, sono state recuperate e successivamente restituite al responsabile dell'esercizio commerciale. Condotti in caserma i tre sono stati trattenuti a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

PUSHER RECIDIVO ARRESTATO DAI CARABINIERI. SORPRESO CON DROGA 2 VOLTE IN 10 GIORNI. LA SETTIMANA SCORSA ERA STATO TROVATO IN POSSESSO DI MEZZO CHILO DI HASHISH, IERI CON ALTRI 3,5 KG.

I Carabinieri della Stazione Roma Divino Amore hanno arrestato, per la seconda volta in dieci giorni, un 52enne romano, accusato, in entrambi i casi, di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L'uomo era stato già arrestato settimana scorsa, dopo essere stato trovato in possesso di 500 grammi di hashish, trovati nella sua abitazione di Centocelle. Dopo essere tornato in libertà, l'uomo non ha atteso tanto tempo per tornare "a lavoro", ma i Carabinieri della Compagnia di Pomezia, che avevano deciso di continuare a tenerlo sotto controllo, lo hanno nuovamente bloccato. Questa volta, nel suo appartamento, di hashish i Carabinieri ne hanno sequestrato per 3,5 Kg, ancora suddivisi in panetti.

Nuovamente arrestato, il pusher recidivo è stato portato nel carcere di Regina Coeli, dove rimarrà a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, scoperta una banda che ha messo a segno centinaia di truffe agli anziani nel Lazio, Puglia e Liguria. 8 persone in manette

FrosinoneToday è in caricamento