Roma, stalker in azione nel centro storico arrestato

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato un 46enne, originario della provincia di Perugia e incensurato, con l’accusa di atti persecutori nei confronti della sua ex compagna.

stalker

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato un 46enne, originario della provincia di Perugia e incensurato, con l’accusa di atti persecutori nei confronti della sua ex compagna.

L’uomo aveva iniziato il rapporto sentimentale con la vittima, una donna romana di 45 anni, nel 2015 e già dalle prime battute aveva assunto nei suoi confronti degli atteggiamenti particolarmente oppressivi.

Durante delle discussioni scaturite per futili motivi, inoltre, era arrivato ad alzarle le mani causandole, in due occasioni, lesioni refertate in ospedale ma mai denunciate alle forze dell’ordine.

Da questi presupposti, è nata la scelta della donna di interrompere quel rapporto malato: il 46enne, però, non ha mai accettato quella decisione ed ha iniziato a vessare la sua ex con telefonate minacciose, pedinamenti e aggressioni fisiche.

Il culmine è stato raggiunto nel pomeriggio di ieri: l’uomo si è presentato nuovamente nell’abitazione della sua ex, in via In Arcione, dove l’ha aggredita stringendole le mani al collo nel tentativo di strangolarla.

La donna è riuscita a divincolarsi e a uscire di casa: arrivata a via del Corso, nel negozio di un gestore di telefonia mobile dove si era recata per cambiare il numero della sua utenza, lo stalker l’ha seguita e ha continuato nel suo atteggiamento aggressivo. A quel punto la vittima ha chiamato il 112 e i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno ammanettato il 46enne.

Nell’aggressione, la 45enne ha riportato lesioni, giudicate guaribili in 10 giorni dai sanitari del Policlinico Umberto I.

Il suo aguzzino è stato portato nel carcere di Regina Coeli dove rimane a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

ROMA, RIFORNIVANO DI EROINA GLI SPACCIATORI DEL PIGNETO. 3 TRAFFICANTI ARRESTATI SEQUESTRATE 1.000 DOSI PRONTE AD INVADERE L’INTERO QUARTIERE

I Carabinieri della Stazione Roma Casalbertone hanno concluso una mirata e intensa attività antidroga, arrestando tre cittadini del Gambia, di 30, 32 e 35 anni, tutti già noti alle forze dell’ordine, per detenzione di sostanze stupefacenti in concorso, assestando un duro colpo al traffico di eroina in zona Pigneto.

Era da un po’ di tempo che i Carabinieri erano sulle tracce dei tre connazionali, notati per i loro continui contatti con i pusher della zona e, ieri notte, li hanno fermati per un controllo, trovandoli in possesso di alcune dosi di eroina, pronte alla vendita.

Le indagini svolte dai Carabinieri hanno permesso di accertare che i tre, benchè risultassero senza fissa dimora, di fatto erano domiciliati in un’abitazione di Tivoli, in via Rodolfo Bonfiglietti, immediatamente perquisita.

All’interno dell’appartamento, i Carabinieri hanno rinvenuto un’ingente quantitativo di eroina, pari a 1.000 dosi al dettaglio, pronte ad invadere le strade del quartiere, e denaro contante, ritenuto provento dell’attività illecita.

I Carabinieri hanno sequestrato la droga e i soldi ed hanno portato i tre trafficanti in caserma, dove sono stati trattenuti in attesa del rito direttissimo.

?????????? ??????????

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento