Roma, vendevano botti illegalmente a poche ore dalla mezzanotte

Carabinieri sequestrano circa 100 kg di materiale pirotecnico detenuto illegalmente. denunciate 4 persone.  Nelle ore precedenti erano stati già sequestrati altri 600 kg e 7 persone denunciate.

Carabinieri sequestrano circa 100 kg di materiale pirotecnico detenuto illegalmente. denunciate 4 persone. Nelle ore precedenti erano stati già sequestrati altri 600 kg e 7 persone denunciate.

E’ di 700 kg di botti sequestrati e 11 persone denunciate il bilancio dell’attività di controllo da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma che, nelle ore che hanno preceduto la mezzanotte, hanno intensificato i controlli nella Capitale e in provincia, volti a contrastare la detenzione e la vendita illecita di materiale esplodente e giochi pirici pericolosi onde prevenire spiacevoli incidenti.

Dopo il sequestro di 600 kg e 7 persone denunciate nella zona di Trastevere, nell’ambito del piano straordinario di controllo predisposto per il periodo festivo, i Carabinieri hanno sequestrato circa 100 kg di petardi e fuochi pirotecnici detenuti in precarie condizioni di sicurezza, senza le previste autorizzazioni e denunciato 4 persone con l’accusa di fabbricazione o commercio abusivo e detenzione di materiale esplodente.

In via dell’Archeologia, i Carabinieri della Stazione di Roma Tor Bella Monaca, unitamente ai colleghi del Nucleo Artificieri del Comando Provinciale di Roma, hanno notato due fratelli romani, di 20 e 36 anni, aggirarsi con fare sospetto all’esterno di un garage e sono intervenuti per un controllo. In loro possesso e all’interno del garage, in loro utilizzo, i Carabinieri hanno rinvenuto 29 bombe carta, 17 batterie di fuochi, 45 artifici pirotecnici, 18 razzi, 4 fontane pirotecniche e 8 fumogeni del peso complessivo di 43 kg, tutto materiale pirotecnico di V^ categoria.

In via Ozanam, quartiere Monteverde, i Carabinieri della Stazione di Roma Porta Portese hanno eseguito un controllo di un’attività commerciale di vendita casalinghi, rinvenendo, esposti all’interno, 15 kg di artifici pirici di IV^ categoria detenuti illegalmente, denunciando il titolare, un cittadino cinese di 42 anni.

Infine in via dei Castelli Romani a Pomezia, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Pomezia hanno denunciato un 27enne del Marocco notato mentre vendeva in strada, nei pressi di un supermercato, senza le previste autorizzazioni, materiale pirotecnico appartenente alla V^ categoria, del peso totale di 36 kg.

Tutti i botti rinvenuti sono stati sequestrati dai Carabinieri, in attesa di ulteriori disposizioni dell’Autorità Giudiziaria.

FONTE LAURENTINA (RM) – RUBANO ARREDI PER IL BAGNO ALL’INTERNO DI LEROY MERLIN, BLOCCATI DAI CARABINIERI.

I Carabinieri della Stazione Roma Divino Amore hanno arrestato un romeno di 27 anni, con precedenti di polizia, e denunciato la sua compagna, connazionale di 24 anni, fermati appena dopo aver rubato all’interno del punto vendita Leroy Merlin di Fonte Laurentina.

Nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione di reati contro il patrimonio, i Carabinieri hanno controllato i giovani nei pressi dell’uscita del negozio e li hanno sorpresi in possesso di diversi arredi per il bagno che avevano nascosto nelle tasche del passeggino del loro figlio.

La refurtiva è stata recuperata e restituita al responsabile del negozio.

L’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del processo, mentre la donna, che non aveva precedenti, è stata denunciata a piede libero. Entrambi dovranno rispondere del reato di furto aggravato.

CASTEL ROMANO (RM) – ALL’OUTLET PER FARE SHOPPING PRE-SALDI SENZA PAGARE. CARABINIERI ARRESTANO TRE PERSONE.

I Carabinieri della Stazione Roma Tor dé Cenci hanno arrestato tre turisti russi di 24, 27 e 29 anni, fermati dopo aver rubato all’interno di un negozio dell’Outlet McArthur Glen di Castel Romano.

Nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione di reati contro il patrimonio, i Carabinieri hanno controllato i complici nei pressi dell’uscita dell’Outlet e li hanno sorpresi in possesso di molti capi di abbigliamento che erano appena stati trafugati dal negozio.

Grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza, è stato possibile accertare che i ragazzi, approfittando della ressa presente nell’esercizio, sono riusciti a rimuovere con l’ausilio di un gancio le placche antitaccheggio presenti sulla merce per poi nascondere i capi sotto le loro giacche.

La refurtiva è stata recuperata e restituita al responsabile del negozio mentre gli arrestati sono stati trattenuti in caserma, in attesa del rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento