Roma, arrestato agente di modelle per adescamento di minori pornografia e prostituzione minorile

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato F.F. (cl. 1963), titolare di una nota agenzia di modelle e attori per spot televisivi operante a Roma, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP...

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato F.F. (cl. 1963), titolare di una nota agenzia di modelle e attori per spot televisivi operante a Roma, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Roma, Giulia Proto, su richiesta del Procuratore Aggiunto Maria Monteleone e del Sostituto Procuratore Cristiana Macchiusi della Procura della Repubblica di Roma, in quanto indagato dei reati di adescamento di minori, pornografia minorile aggravata e prostituzione minorile in danno di alcune ragazze minorenni.

L’indagine dei Carabinieri è scaturita da un’inchiesta giornalistica sul fenomeno delle “baby squillo” che ha portato all’acquisizione di alcune testimonianze circa presunte attività illecite attribuibili al menzionato Agente, secondo le quali, nell’esercizio della sua attività professionale, questi era solito proporre a giovani ragazze di età compresa tra i 14 e i 17 anni, la realizzazione di servizi fotografici di nudo in pose sessualmente provocanti, facendo credere che questo sarebbe stato l’unico strumento utile per avere un rapido successo nel mondo della moda e dello spettacolo.

Le indagini, avviate dai militari di via in Selci nel maggio scorso, hanno consentito di acquisire in brevissimo tempo, rilevanti riscontri alla fondatezza delle testimonianze acquisite, dimostrando come effettivamente, l’indagato abbia posto in essere una vera e propria attività criminale “organizzata” e lungamente sperimentata; il monitoraggio di F.F. ha infatti evidenziato come egli fosse solito prospettare alle giovanissime ragazze, anche minorenni, che si presentavano presso la sua agenzia in cerca di lavoro, un possibile e facile successo nel mondo dello spettacolo, mediante la realizzazione di book fotografici contenenti immagini sessualmente provocanti, individuando abilmente, tra le tante, le giovani disponibili ad incontrarlo all’insaputa dei genitori e a posare senza inibizioni in foto pornografiche, nonché a prestarsi al compimento di atti sessuali nel corso delle sedute fotografiche stesse. I reati contestati all’indagato riguardano pertanto le attività da egli svolte nel corso dei servizi fotografici in questione, effettuati con ragazze minorenni e della cui minore età egli era consapevole, tanto da aiutarle a falsificare le generalità sui documenti di identità, affinché risultassero maggiorenni in occasione della partecipazione a “casting”.

Nel corso delle operazioni sono state effettuate perquisizioni domiciliari, è stato sequestrato materiale informatico ritenuto utile all’individuazione di eventuali complici dell’arrestato e lo studio fotografico ove l’indagato svolgeva la propria attività.

L’arrestato si trova recluso nel carcere di Regina Coeli.

ESQUILINO – CONTROLLI DEI CARABINIERI A STRUTTURE RICETTIVE E AD APPARTAMENTI ALVEARI.ELEVATE SANZIONI PER 7 MILA EURO.

Nelle ultime ore, i Carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante hanno effettuato un servizio straordinario di controllo, finalizzato al contrasto dell’immigrazione clandestina e dell’abusivismo nel settore turistico-alberghiero, nel quartiere Esquilino.

Per 4 dei 5 affittacamere passati al setaccio è risultato tutto in regola. In via Giolitti però i Carabinieri hanno scoperto un B&B completamente abusivo, gestito da un 36enne cittadino del Bangladesh. Nei suoi confronti è scattata una multa salatissima, in violazione delle norme sul sistema turistico laziale e della disciplina sul settore del commercio. Sempre in via Giolitti, i militari hanno scoperto anche un appartamento in cui vivevano più di venti persone, tutti cittadini del Bangladesh. Il locatario dell’abitazione, anch’egli cittadino del Bangladesh, in possesso di un regolare contratto d’affitto, è stato segnalato

COLLE OPPIO – TURISTA RAPINATO E COLPITO AL VOLTO CON UN PUGNO. ARRESTATO DAI CARABINIERI CITTADINO EGIZIANO.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato, la scorsa sera, con l’accusa di rapina aggravata in concorso, un 25enne, egiziano, già noto alle forze dell’ordine. A seguito di una segnalazione giunta al numero 112, i militari sono intervenuti in via delle Terme di Tito, all’interno del parco di Colle Oppio, dove poco prima lo straniero assieme ad un complice, fuggito prima dell’arrivo dei militari, avevano aggredito e rapinato un turista svedese di 32 anni. I due dopo averlo colpito al volto, mentre stava passeggiando con la propria compagna, lo hanno rapinato del portafogli e sono fuggiti. Il turista nonostante il dolore del pugno subito è riuscito a reagire e a bloccare l’arrestato fino all’arrivo dei militai. Grazie al tempestivo intervento dei militari, il malvivente è stato ammanettato e condotto in caserma. Venti giorni, invece, la prognosi per il malcapitato turista svedese che al pronto soccorso dell’Ospedale San Giovanni gli è stata riscontrata una frattura al naso. Il 25enne è stato trattenuto in caserma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. E’ in corso l’identificazione del complice.

PIGNETO, IN STATO DI EBBREZZA IRROMPE A CASA DELL’EX CONVIVENTE E L’AGGREDISCE PER COSTRINGERLA A SUBIRE UN RAPPORTO SESSUALE

ARRESTATO DAI CARABINIERI.

Nella tarda serata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un cittadino peruviano di 22 anni, nella Capitale senza fissa dimora e incensurato, con le accuse di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale aggravata.

Il giovane, in evidente stato di ebbrezza alcolica, con un pretesto è riuscito a farsi aprire la porta di un appartamento di via Giovenale, al Pigneto, in uso alla sua ex compagna, una connazionale di 32 anni.

Dopo averle fatto le primeavances, puntualmente restituite al mittente, l’uomo l’ha violentemente aggredita a calci e pugni, poi, afferrato un coltello da cucina, l’ha minacciata di morte iniziando a strapparle i vestiti di dosso con l’intento di consumare con la forza un rapporto sessuale.

Le grida della ragazza hanno preoccupato alcuni vicini che hanno chiamato il “112”: i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma sono intervenuti bloccando l’esagitato peruviano e soccorrendo la giovane che, trasportata al pronto soccorso dell’ospedale “Vannini Figlie di San Camillo”, è stata riscontrata affetta da ecchimosi e graffi su tutto il corpo e un forte stato d’ansia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 22enne è stato ammanettato e portato nel carcere di Regina Coeli, dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento