Frosinone, approvata la rivoluzione urbanistica in consiglio

Molto positivo il commento del sindaco Nicola Ottaviani, al termine dei lavori del consiglio comunale che ha fatto registrare l’approvazione di circa 10 nuove delibere, in materia urbanistica e commerciale, che segnano un importante traguardo sul...

Molto positivo il commento del sindaco Nicola Ottaviani, al termine dei lavori del consiglio comunale che ha fatto registrare l’approvazione di circa 10 nuove delibere, in materia urbanistica e commerciale, che segnano un importante traguardo sul percorso della riqualificazione del territorio e del tessuto economico.

“Dobbiamo ringraziare – ha dichiarato il sindaco Nicola Ottaviani - gli uffici comunali e tutti i consiglieri che hanno reso possibile il varo del nuovo assetto urbanistico del territorio, dando dimostrazione di concretezza e di efficienza nelle scelte amministrative. Con tali delibere si renderanno possibili investimenti economici ed infrastrutturali di notevole entità con le conseguenti ricadute positive sulle materie dell’urbanistica, del commercio e della cultura del capoluogo”.

In particolare, è stato deliberato l’aumento delle volumetrie della sede della Camera di Commercio, in via Alcide de Gasperi, attraverso un accordo con il comune di Frosinone, che prevede la realizzazione di una scala mobile per il collegamento tra viale Mazzini e piazza VI Dicembre. Per quanto riguarda la nuova sede dell’Ater, grazie alla delibera approvata, potrà sorgere nel quartiere del Sacro Cuore un grande edificio direzionale, con la realizzazione di un nuovo assetto architettonico ed ambientale di piazza Salvo D’acquisto, attraverso l’individuazione di aree verdi e parcheggi. Ma, le nuove scelte urbanistiche non hanno mancato di interessare anche il settore della cultura, in quanto grazie ad un’altra delle delibere approvate il Conservatorio di musica Licinio Refice, istituto musicale di proprietà comunale, potrà dotarsi di nuove aule ed un nuovo chiostro per ospitare eventi artistici. Per finire con l’approvazione del protocollo d’intesa con l’amministrazione provinciale di Frosinone , grazie al quale verrà parzialmente ricostruita la tribuna centrale dello stadio Casaleno, il cui progetto complessivo è stato valutato positivamente, non registrando alcun voto contrario tra maggioranza ed opposizione. Sono state poi approvate le proposte avanzate dal sindaco Nicola Ottaviani per la modifica del regolamento di igiene, introducendo alcune novità che rappresentano una sperimentazione unica nel suo genere in tutta Italia. E’ stato introdotto, infatti, l’obbligo per gli esercizi commerciali ortofrutticoli di indicare il luogo di origine e coltivazione della frutta e degli ortaggi, dando la possibilità ai consumatori di avere piena consapevolezza sul luogo di provenienza effettiva dei prodotti. Tale innovazione non dovrà essere considerata alla stregua di un divieto di vendere sul nostro territorio i prodotti provenienti dalle cosiddette zone della Terra dei fuochi, bensì come l’adempimento di un obbligo di informazione adeguata per il consumatore che, con tutta consapevolezza, potrà scegliere quale kiwi o foglia di insalata acquistare, senza errore e senza inganno. In tal modo, inoltre, sarà assicurata una maggiore tutela delle aziende agricole del territorio, che potranno beneficiare della indicazione del prodotto locale. Sempre nel nuovo regolamento d’igiene, è stata introdotta la disposizione che obbliga i rivenditori ortofrutticoli a posizionare la merce ad una distanza non inferiore a dieci metri dal margine della strada, allo scopo di evitare che frutta e verdura diventino un ricettacolo di ossido di carbonio, per il transito delle autovetture, o che le esposizioni delle cassette in modo caotico e disordinato trasformino la città in una sorta di suk locali.

MAGGIORE TUTELA DEL VERDE CON IL NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

Importanti variazioni nel nuovo regolamento comunale sulla pubblicità, in particolare per quanto riguarda la promozione della cultura del verde, del miglioramento del decoro e dell’immagine della città e della qualità della vita dei cittadini. Particolare attenzione anche alla tutela della salvaguardia pubblica e all’adeguamento della modulistica alla normativa vigente con relativo snellimento dell’attività amministrativa.

In particolare, in merito alle sponsorizzazioni pubblicitarie, il nuovo regolamento approvato stabilisce che gli sponsor privati possono stipulare apposita convenzione con il Comune per assumersi l’onere di eseguire su aiuole e/o rotatorie i lavori di manutenzione necessari per garantire il decoro e l’estetica del verde pubblico. Il Comune può concedere, a titolo corrispettivo, l’esenzione dell’imposta relativa ai mezzi pubblicitari da installare in prossimità della relativa aiuola e/o rotatoria gestita, previa verifica di conformità da parte della Polizia Locale. Il numero dei mezzi pubblicitari esentati dall’imposta è quantificato dall’ufficio che stipula la convenzione. L’Ufficio preposto alla stipula della convenzione avrà cura di trasmettere copia della stessa all’Ufficio Tributi.

Il regolamento comunale prevede inoltre, al fine di salvaguardare la pubblica incolumità, che le insegne murali bifacciali non possano avere sporgenza superiore a 90 centimetri e un’altezza da terra inferiore a 3 metri. Nel caso in cui tale tipo di insegna insista su proprietà privata non soggetta a servitù di pubblico passaggio, data la mancanza di rischi per la incolumità pubblica, si è ritenuto di non porre limiti di sporgenza del manufatto.

Infine, sempre nell’ottica di semplificare le procedure amministrative, vengono apportate modifiche anche riguardo l’adeguamento della modulistica alla normativa vigente, come per esempio l’introduzione della PEC, che diventa il principale canale di dialogo con l’utenza.

“L’amministrazione Ottaviani – dichiara l’assessore Riccardo Mastrangeli - ha tra i propri obiettivi primari quello di promuovere una cultura del verde che migliori non solo il decoro e l’immagine della città, ma anche la qualità della vita dei cittadini. E poichè attualmente le risorse non consentono ulteriori incentivi economici oltre quelli già predisposti, la nostra scelta, in termini di interventi di riqualificazione sugli spazi della città, è quella di coinvolgere gli sponsor privati, i quali possano collaborare nella valorizzazione del territorio e nella realizzazione di interventi di sistemazione e manutenzione delle aree. L’obiettivo è quello di favorire la collaborazione tra pubblico e privato, nella realizzazione di progetti significativi, come quello riferito alle rotatorie sulle quali gli sponsor possono provvedere all’abbellimento e alla cura del verde pubblico”.

FROSINONE NEL CUORE CHIEDE UN RAPPRESENTANTE IN GIUNTA

Il Gruppo Consiliare Frosinone nel Cuore non ha partecipato, come è noto, all’ultima seduta di Consiglio Comunale. Ciò, in coerenza con quanto sinora sostenuto: Frosinone nel Cuore, quale gruppo di maggioranza, chiede rispetto della dignità dei consiglieri i quali hanno l’obbligo della rappresentanza di coloro che li hanno eletti.

Avremmo votato le pratiche presenti nell’OdG della seduta consiliare solo secondo coscienza (dunque avremmo anche potuto non votarle o addirittura esprimere un voto negativo di gruppo), non avendo ancora ottenuto la richiesta condivisione delle materie in discussione che, riteniamo, il Sindaco debba alla sua maggioranza.

Circostanza che avrebbe potuto creare problemi allo stesso Sindaco e che abbiamo evitato. Frosinone nel Cuore, infatti, è parte della maggioranza consiliare, ha sempre ribadito il suo sostegno al Sindaco Ottaviani e rigetta totalmente la definizione di “dissidenti” o “ribelli” che è invalsa sulla stampa.

Non siamo dissidenti, abbiamo posizioni critiche che riteniamo legittime e che sono materia di dialettica interna alla maggioranza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Semmai i carbonari sono altrove, come dimostrato dai recenti ravvedimenti che hanno determinato un’ulteriore cambiamento della geografia consiliare… evidentemente ci sarà qualche formula magica per vedere la luce a noi, ad oggi, fortunatamente sconosciuta… sarà certacemente casuale che certi stravolgimenti siano avvenuti a seguito della nascita di Frosinone nel Cuore. Auspichiamo perciò e ancora una volta, che non esistendo motivazioni logiche ostative per un sereno decorso del resto della consiliatura, il Sindaco Ottaviani voglia in tempi strettissimi riconoscere la consistenza del nostro Gruppo Consiliare, consentirgli adeguata rappresentanza nella sua Giunta e avviare una normale collaborazione nell’interesse primario della nostra cittadinanza, affinché ci si possa presentare nella prossima seduta di Consiglio Comunale senza problemi di sorta. Riteniamo un buon segnale il ritiro delle due pratiche che erano presenti nell’OdG del Consiglio Comunale sulle quali avevamo ravvisato delle perplessità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento