Frosinone, investire sull’automotive e rilanciare le aree interne queste le priorità del territorio

La presentazione del rapporto di Unioncamere Prometeia conferma la strategicità del settore Automotive. E vale la pena sottolineare come il presidente di Unioncamere Ivan Lo Bello abbia sottolineato che nei primi sei mesi del 2015 gli acquisti di...

Davide Papa-3

La presentazione del rapporto di Unioncamere Prometeia conferma la strategicità del settore Automotive. E vale la pena sottolineare come il presidente di Unioncamere Ivan Lo Bello abbia sottolineato che nei primi sei mesi del 2015 gli acquisti di auto sono tornati a crescere in doppia cifra (+15,1%).

Parliamo di un comparto che in Italia vale 67 miliardi di euro, pari quasi al 5% del Pil e occupa oltre 1,2 milioni di addetti. Un settore in ripresa ed è chiaro che l’investimento della FCA nello stabilimento di Piedimonte assume una valenza strategica fondamentale.

E’ su queste tematiche si è sviluppato il dibattito del Comitato Tecnico provinciale sul Piano Strategico di Sviluppo. Vertice al quale hanno partecipato la Camera di Commercio, Unindustria e l’Università di Cassino.

E’ stato ribadito con forza che è necessario concentrare sull’investimento della Fca il massimo sforzo congiunto, affinché si metta in moto un circuito virtuoso che serva per rilanciare il territorio. Il riferimento è al rilancio dell’Alfa Romeo, ma anche all’indotto.

Per quanto riguarda tutte le altre aree della provincia di Frosinone, la strategia del Governo prevede nel prossimo decennio interventi destinati a ripristinare le condizioni di cittadinanza e di recupero demografico e per la sua attuazione sono stati stanziati 680 milioni di euro tra risorse nazionali e regionali.

La stella polare è chiara: sostegno al riposizionamento competitivo, capacità di adattamento al mercato, attrattività per potenziali investitori. In questo senso la Regione Lazio si pone come autorevole interlocutore per la destinazione del fondi Por Fesr 2014-2020 in quelle aree di crisi del Lazio, come quelle della provincia di Frosinone, che, mantenendo una vocazione industriale, hanno bisogno di attrarre nuovi investimenti per creare occupazione.

Il presidente della Camera di Commercio Marcello Pigliacelli dice: “Concentrare il massimo sforzo per il rilancio dell’automotive, strategico nel panorama nazionale oltre che locale. La Fca ha scommesso su questo territorio, noi dobbiamo dimostrare di essere all’altezza della situazione supportando al meglio tale iniziativa.

Ma attenzione anche a tutte le altre aree: la strategia deve essere quella di valorizzarle nel rispetto delle specifiche vocazioni. Stiamo lavorando per questo e dobbiamo fare squadra”. Davide Papa, Presidente di Unindustria Frosinone commenta: “Unindustria, consapevole dell’importanza del settore per il rilancio dell’economia del Lazio e non solo, ha presentato un progetto sul nuovo ‘polo tecnologico e formativo transregionale dell’automobile’. Un progetto a servizio non solo dello stabilimento FCA e dell’indotto, ma anche a supporto dello stabilimento di Pomigliano. Si tratta – continua Papa - certamente di un progetto molto ambizioso, ma siamo convinti che dotare il territorio di un polo tecnologico che possa sviluppare progetti di R&S possa rappresentare un valore aggiunto capace anche di orientare ed influenzare le future politiche industriali. Tale progetto ben si inserirà nel Bando regionale “Call for Projects” per il quale è stata costituita una cabina di regia che vede in prima linea, Unindustria, Camera di Commercio e Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale. Altri sono i settori individuati e che dovranno essere rilanciati come il tessile, l’estrattivo, la carta e l’agroalimentare che riguarderanno altre aree della nostra provincia e per le quali stiamo già studiando altre tipologie di intervento per il rilancio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Frosinone "quando nevicherà?" Cosa dicono le previsioni meteo

  • Giovane infermiera muore nel sonno, familiari e colleghi sotto choc

  • Coronavirus, la Ciociaria ed il Lazio in zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Tanta acqua e poco carburante nelle cisterne: denunciato titolare di un distributore (video)

  • Neve in Ciociaria, a Frosinone ed altri comuni chiuse le scuole lunedì 18

  • Coronavirus in Ciociaria: il bollettino di giovedì 14 gennaio. Lazio ormai avviato alla zona arancione

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento