Valmontone, l'associazione "Il Girasole" continua la campagna di prevenzione per il tumore al seno

A Valmontone  il mondo associazionistico è molto sviluppato e numerose sono le realtà esistenti nella delicata ed importante fattispecie sociale.

download-48

A Valmontone il mondo associazionistico è molto sviluppato e numerose sono le realtà esistenti nella delicata ed importante fattispecie sociale.

Un esempio evidente è quello dell'associazione "Il Girasole", associazione fondata dalla combattiva Mirella Morgia, che ci lasciato, dopo aver combattuto con tenacia, contro una terribile malattia. L'associazione sta continuando la opera, grazie all'impegno di molte aderenti, capeggiate dalla presidente Claudia Fusani.

«Il nostro obiettivo principale – afferma – è quello di dare delle risposte efficaci e tempestive ai crescenti bisogni delle donne; tanto nella ricerca dei meandri più cavillosi di una patologia clinica, quanto nell'altrettanto rilevante sfera psicologica che, inevitabilmente, viene intaccata allorquando si fronteggiano le spigolose difficoltà dei tumori».

"Il Girasole", nell'azione quotidiana, incentra molta attenzione sui fattori di rischio, alcuni collegati agli stili di vita.

Un'alimentazione ricca di frutta e verdura, quindi povera di grassi animali, ad esempio, è una postilla comportamentale di assoluto riguardo; così come una vita attiva, l'eliminazione del fumo e un sereno rapporto con i diversi interlocutori, nella vita privata e lavorativa, possono senz'altro contribuire ad una corretta prevenzione.

L'associazione, seppur di giovane costituzione, conta all'attivo diverse attività, tutte ben riuscite e di livello, tanto da rappresentare un vero e proprio riferimento per l'area Casilina, da Valmontone a San Cesareo, ma anche per il territorio dei Monti Prenestini, da Cave a Poli.

Sono giorni di intenso lavoro per le volenterose e pragmatiche animatrici: il prossimo 28 maggio 2016, infatti, è prevista una giornata dedicata alla sensibilizzazione al fine di far accrescere, nella coscienza di ogni donna, l'importanza delle politiche medico – sanitarie aventi al centro la prevenzione. Il nastro rosa è il simbolo più importante, per la consapevolezza del tumore alla mammella, tanto che sovente e viene venduto, durante le raccolte di fondi. Esso, il più delle volte, viene indossato per onorare coloro che soffrono di tale patologia, o per identificare i prodotti dedicati ai consumatori che ne sono interessati. Da Valmontone un'iniziativa comprensoriale davvero onorevole, per le donne, la loro salute che, come le statistiche ricordano, passa per la consapevolezza. Tutti insieme, con impegno e convinzione, per diffondere, conoscere ed approfondire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento