Atletico Morena calcio, Cesaroni e l’impatto in Promozione: «Cresciuto grazie ai miei compagni»

L'Atletico Morena proverà domenica a muovere la sua classifica. Lo farà nel delicato match interno con il Fonte Meravigliosa che viene da tre vittorie e due pareggi nelle ultime cinque partite di campionato. Un avversario in salute che vale...

cesaroni-gioc-3

L'Atletico Morena proverà domenica a muovere la sua classifica. Lo farà nel delicato match interno con il Fonte Meravigliosa che viene da tre vittorie e due pareggi nelle ultime cinque partite di campionato. Un avversario in salute che vale certamente di più dell'attuale ottavo posto in stagione, ma l'Atletico Morena non può guardare troppo all'avversario e dovrà cercare di tornare a fare punti dopo due sconfitte consecutive.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sappiamo che in ogni gara di questo campionato c'è da soffrire – spiega l'esterno sinistro difensivo classe 1998 Niccolò Cesaroni -, ma dobbiamo cercare di dare il massimo e poi tireremo le somme. Purtroppo siamo sempre alle prese con diverse assenze e tra l'altro domenica non ci sarà nemmeno Balestrini che è stato espulso a Frascati e che per noi è sicuramente un giocatore importante». Il giovane terzino non si sbilancia sull'obiettivo finale della squadra cara ai patron Enzo e Mauro Fabrizi. «In questo momento siamo in zona play out e dovremo mettere il massimo impegno per cercare la salvezza diretta. Comunque sapevamo che questo sarebbe stato un campionato difficile visto che è il primo dell'Atletico Morena in Promozione». Anche per Cesaroni il discorso è lo stesso: nella passata stagione, infatti, l'esterno classe 1998 è stato uno dei punti di forza della Juniores e quest'anno è stato aggregato alla prima squadra. «Immaginavo che la Promozione fosse dura e l'ho realmente verificato – dice Cesaroni – Ma grazie alla fiducia e alla continuità di impiego che mi sta dando il mister Branchini e soprattutto grazie all'aiuto dei miei compagni, sto crescendo partita dopo partita». Un passo indietro per parlare dello sfortunato match di domenica scorsa a Frascati, perso per 2-1. «Di fronte abbiamo avuto un'ottima squadra, molto veloce e complicata da affrontare. Nel primo tempo ci hanno creato delle difficoltà e sono andati in vantaggio, ma nella ripresa siamo entrati in campo con uno spirito diverso e anche con un atteggiamento tattico (il 4-3-1-2, ndr) che ci ha portato benefici. Abbiamo pareggiato i conti con Gavini e sembravamo poter uscire da Frascati con dei punti, ma a meno di dieci minuti dalla fine purtroppo un calcio di punizione ci ha condannato» conclude Cesaroni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento