Calcio a 5, La Forte Colleferro espugna Minturno con la “partita perfetta” ed e’ ad un passo dalla C1

Conquistato il sudatissimo (e meritatissimo) terzo posto, la Forte scende a Minturno nella prima gara dei Play Off, alla ricerca di un posto nella massima serie regionale.

DSC_0020

Conquistato il sudatissimo (e meritatissimo) terzo posto, la Forte scende a Minturno nella prima gara dei Play Off, alla ricerca di un posto nella massima serie regionale.

Avversaria la squadra di Mister Cardillo, vicinissima tre giorni prima, proprio sul neutro di Colleferro, a conquistare la Coppa Lazio di categoria e piena di giocatori che farebbero felice più di una squadra, come l’icona Vanderlei o la rivelazione delle Final Four Sanchez o i vari Teixeira & Co.

Paolo Forte, come da copione, cura la gara nei minimi dettagli, studia i video degli avversari, sceglie alimentazione e tempi di trasferimento, carica al punto giusto i suoi giocatori. La pausa è servita a Dario Pisani per ricaricare le batterie della squadra che è pronta a giocarsi, in una gara sulla carta proibitiva, le sue chances di promozione. Per entrambe, la vittoria significherebbe rientrare tra i primissimi posti delle graduatorie di ripescaggio in ottica C1, indipendentemente dalla vittoria finale nei Play Off.

Posta in gioco, quindi, altissima per entrambe.

PRIMO TEMPO. Partita in salita per la Forte. I padroni di casa vogliono a tutti i costi fare bene davanti al pubblico amico e schierano la formazione migliore che si era fatta ammirare e applaudire in Coppa. Tegola dell’ultimo minuto per Forte che, oltre alle assenze “storiche”, deve fare a meno anche di Mario Graziani indisponibile.

Minturno cinica, che sfrutta gli unici due tiri verso Tantari per portarsi, anche con un pizzico di fortuna, sul doppio vantaggio che, ai più, sembra la cronaca annunciata di una gara dall’esito scontato. Ma la Forte non si scompone, continua a macinare gioco e subisce l’irruenza degli avversari che fanno segnare sul tabellino del Direttore di gara, il sesto fallo e la conseguente “libera”.

Palla sul dischetto e Stefano Felici non perdona e riapre la partita, facendo andare i suoi negli spogliatoi con solo una rete da rimontare.

SECONDO TEMPO. E’ Hamazawa che riallinea il risultato. Il nipponico, giunto alla sua ventesima segnatura in Campionato riapre i giochi per i leoni di Paolo Forte, completando la rimonta. Sull’onda dell’entusiasmo, Forte ancora in rete con Capitan Stefano che, con la squadra in superiorità numerica per un doppio giallo rimediato dagli avversari, effettua il primo sorpasso della giornata. Ma il Minturno non molla. Un pareggio manderebbe le due squadre ai supplementari, dove la squadra di casa potrebbe far pesare il vantaggio della migliore classifica di girone. E, puntualmente, arriva il tre a tre che rimanda la Forte nel purgatorio dell’extra time.

L’arbitro sta per fischiare la fine dei tempi regolamentari, quando mancano solo 10”, ma Paolo Forte, tra la perplessità generale, chiama il time out su fallo laterale per la Forte. L’invito ai suoi è quello di tenere duro, di mantenere grinta e concentrazione in vista dei supplementari che ormai sembrano inevitabili.

Poi, l’incredibile. Valenzi calcia forte in mezzo e Lorenzo Tetti, sempre più “Magnifico”, regala a Paolo Forte la gioia più bella della stagione. Il “vecchietto” del gruppo si esibisce in una straordinaria mezza rovesciata e con un gesto tecnico da cineteca, impatta la sfera e la spedisce, imparabilmente, in fondo al sacco!

Esplode di felicità Lorenzo, esplode Paolo con tutta la panchina, esplodono in tribuna i tanti sostenitori giunti da Colleferro, esplode il Palaromboli, stretto intorno ai telefonini che, con i messaggi di Giuseppe Zechender, raccontano l’impresa che si sta consumando a centosessanta chilometri di distanza dalle mura amiche. IL COMMENTO. Una vittoria che potrebbe valere il salto di categoria. Una vittoria che proietta la Forte Colleferro nelle semifinali Play Off che valgono, da sole, una stagione. Una vittoria che segna il successo di un percorso iniziato nel Giugno 2013, quando Paolo Forte e Enrico Segantini decisero, contro tutto e contro tutti, di mettere in campo un progetto legato al territorio e, soprattutto, a quei giovani atleti, tutti provenienti dal vivaio del Mister colleferrino, per i quali, almeno per diversi di loro, c’era il rischio di rimanere senza la possibilità di continuare a giocare. Da quel giorno tanta acqua è passata sotto i ponti, tanti protagonisti hanno abbandonato il progetto, alcuni per problemi oggettivi, altri convinti che i risultati non sarebbero arrivati mai senza rimborsi spese o investimenti economici importanti. Ma Paolo e il suo staff hanno tirato avanti, hanno scommesso sul gruppo, sui tanti giovanissimi giocatori che ci hanno messo anima, testa, cuore e gambe in questo progetto felice e vincente.

Il gol di Lorenzo Tetti si riempie quindi di significati che vanno ben al di la dell’indiscutibile successo sportivo. Sigilla il trionfo di un’idea, la realizzazione di un sogno. Anche perché è solo lo sport che permette di vedere realizzati anche i sogni che altrimenti sarebbero impossibili.

E’ solo lo sport che ti può consentire di guardare quel meraviglioso cigno che si libra nel cielo e rivedere in lui quello che era, fino a poco tempo prima, solo un brutto anatroccolo! MINTURNO – FORTE COLLEFERRO 3 - 4

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento