rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Roma

Calcio, pareggio scialbo al Ferraris tra Lazio e Genova

Un punto che non serve a nessuno tra Lazio e Genova al Ferraris. La partita si chiude su uno scialbo 0 a 0 in cui le difese avversarie primeggiano sugli attacchi . I romani iniziano a gran ritmo ma tolta la conclusione di Cataldi e la traversa di...

Un punto che non serve a nessuno tra Lazio e Genova al Ferraris. La partita si chiude su uno scialbo 0 a 0 in cui le difese avversarie primeggiano sugli attacchi . I romani iniziano a gran ritmo ma tolta la conclusione di Cataldi e la traversa di Mauri c'è poco da raccontare. Le emozioni latitano, la noia aumenta.

LE FORMAZIONI

Gasperini cambia la sua scacchiera rispetto alla partita di Torino con la Juve: in difesa rilancia Burdisso al posto di De Maio e inserisce Rincon Suso e Laxalt a centrocampo in sostituzione di Rigoni, Nitcham e Gabriel Silva.

Pioli conferma il 4-3-3 con alcune variazioni. In mezzo al campo rientra Milinkovic, mentre in attacco non c'e' Keita , al quale viene preferito Mauri a supporto di Djordjevic , boa centrale.

PRIMO TEMPO

Fin dalle prima battute la Lazio appare più concentrata e propositiva Subito al 5' una sponda di Milinkovic innesta Cataldi in posizione di sparo ma il suo tiro angolato è' deviato in angolo da Perin. I romani tengono il baricentro alto , il Genova agisce di rimessa ,approfittando di errati disimpegni.

Al 18' clamorosa occasione per gli uomini di Pioli ma la dea bendata non sorride agli aquilotti. Sugli sviluppi di un corner battuto da Cataldi, Mauri anticipa tutti, gira di testa ma la traversa nega la gioia del gol al brianzolo.

Parolo molto nervoso a centrocampo , prima viene ammonito per un fanno ai danni di Cerci poi rischia l'espulsione per un altro scorretezza sul guizzante Izzo. Sul seguente calcio fermo Dzemail crossa al centro per Pavoletti ma suo colpo di testa sorpassa i pali.

Il primo vero pericolo per i laziali arriva al 38' su un tiro-cross di Cerci ,Pavoletti non ci arriva e Konko in affanno salva sulla linea. Dopo due minuti di recupero l'arbitro Orsato decreta la fine di una prima parte bloccata tatticamente, con poche emozioni e piuttosto insipida , costellata da molti errori anche a causa di un terreno di gioco alquanto irregolare.

SECONDO TEMPO

La Lazio torna in campo con un volto nuovo: fuori Basta e dentro Patric.

Il match non decolla, ci si affida frequentemente a lanci lunghi , facilmente gestibili dalle difese avversarie.

Hoedt si improvvisa attaccante , salta due avversari , entra in area , ma la sua progressione è bloccata da Burdisso.

Rispondono i grifoni con una incornata di Munoz respinta con i pugni da Marchetti.

Pioli prova a dare più profondità in avanti inserendo Keita al posto di Mauri.

Le squadre si allungano , gli spazi si aprono ed il match si infiamma. Entra anche Lulic per Cataldi.

Al 75' Tachsidis riceve palla in area ma il portiere laziale è' abile a chiudergli lo specchio della porta. Sul capovolgimento di fronte Keita penetra sulla destra , sgancia un tiro che Perin controlla.

Ancora lo spagnolo calcia al volo su assist di Lulic ma non inquadra la porta.

La gara è' molto intensa , le due squadre non lesinano energie , si prova la soluzione individuale in ambedue i fronti con molta abnegazione ma con scarsa lucidita'. Termina la partita con un pareggio senza infamia e senza lode . La Lazio rimane ancorata nelle paludi del campionato , il Genova si allontana dalla zona pericolante.

Roberto Mattei

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, pareggio scialbo al Ferraris tra Lazio e Genova

FrosinoneToday è in caricamento