Roma

Cassino, Abbruzzese (FI): italicum darà vita a limpido bipolarismo. Debiti Pubblica Amministrazione

"La bocciatura delle pregiudiziali di costituzionalità sull'Italicum rappresenta un primo passo fondamentale per dotare il nostro paese di una riforma elettorale degna di uno stato moderno.

"La bocciatura delle pregiudiziali di costituzionalità sull'Italicum rappresenta un primo passo fondamentale per dotare il nostro paese di una riforma elettorale degna di uno stato moderno. Una legge che ci permetterà di sapere chi ha vinto le elezioni e che libererà qualsiasi esecutivo da possibili ricatti dei piccoli partiti. Secondo varie simulazioni apparse sui quotidiani in questi ultimi giorni con il nuovo sistema elettorale i partiti saranno incentivati a coalizzarsi, dando così vita a un limpido bipolarismo, come lo ha definito anche Berlusconi, che potrà sicuramente garantire stabilità e ridare credibilità all'Italia". Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio.

"L'Italicum è uno strumento che mira innanzitutto alla governabilità. Senza la quale non ci saranno mai riforme ed interventi consoni per la ripresa economica. Sono convinto anch'io che i cittadini italiani non "mangiano" le riforme elettorali, ma questo lavoro serrato per la definizione delle regole della competizione è necessario per garantire a chi vincerà le elezioni di pensare veramente alle criticità da risolvere e non ai numeri necessari per governare o alle logoranti lotte intestine con questo o quel partitino.

Non sto qui ad elencare di nuovo le caratteristiche della nuova legge, ma vorrei soffermarmi sulla querelle relativa alle preferenze. La preferenza, e questa è un'opinione strettamente personale, rappresenta la vera fonte di corruzione di questo paese. Non si può far politica ponendo l'attenzione solo ed esclusivamente sulle cortesie e sul clientelismo. Per quanto mi riguarda dunque, sono favorevole ad eliminare le preferenze anche a livello europeo e regionale". Ha concluso Mario Abbruzzese.

DEDITI PA;ABBRUZZESE (FI); MANCATI PAGAMENTI COMPROMETTONO RISALITA

"L'Italia sembra essere il peggior pagatore di tutta Europa nei confronti delle imprese, con una performance addirittura peggiore degli altri paesi che hanno risentito di più la crisi economica. I tempi medi di pagamento della Pa alle aziende fornitrici di beni e servizi, infatti, si sono attestati sui 170 giorni, superando di 109 giorni la media Ue di 61 giorni e di 140 il limite di 30 giorni imposto dal decreto di recepimento sui tempi di pagamento della Pa entrato in vigore il primo gennaio scorso. Il vice presidente della Commissione Europea, Antonio Tajani è pronto avviare la pratica per l'apertura della procedura di infrazione, ma prescindere da ciò è da valutare attentamente come questo stato di cose stia compromettendo la risalita del nostro sistema economico". Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, vice presidente della commissione Sviluppo Economico, Lavoro e PMI.

"Purtroppo il mancato pagamento dei debiti da parte della PA, come ha dichiarato recentemente Giorgio Merletti, Presidente di Confartigianato (uno dei due advisor insieme all'Ance sull'attuazione della direttiva europea) sta soffocano le capacità competitive delle realtà imprenditoriali e compromettono le opportunità di rilancio dello sviluppo per il nostro Paese.

Anche nel Lazio la situazione non sembra essere molto rosea. Mi auguro che il recente accordo tra la Regione Lazio, L'associazione Bancaria Italiana (ABI) e le Associazioni di categoria intitolato "Addendum al Plafond Crediti PA" in tema di smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione, possa favorire il perfezionamento sui mercati finanziari di un numero maggiore di operazioni con tempistiche più rapide.

Potranno aderire a questo provvedimento sia i Comuni, sia le imprese singole o tramite associazione di categoria. La velocizzazione della tempistica relativa ai pagamenti risulta essere essenziale per assicurare le necessarie risorse finanziare alle aziende; le quali, pur registrando tensioni, presentano comunque prospettive economiche positive.

In virtù di tale iniziativa ho preparato un'informativa che sarà inviata a tutti gli amministratori iscritti alla mia newsletter dove potranno trovare la completa documentazione per espletare le pratiche inerenti l'adesione all'addendum al Plafond Crediti PA". Ha concluso Abbruzzese.

AGRICOLTURA; ABBRUZZESE(FI): PRESENTATA PL PER CONSERVAZIONE FAUNA SELVATICA E REGOLAMENTAZIONE ATTIVITA FAUNISTICO - VENATORIA

"Nei giorni scorsi è stata presentata una proposta di legge, di cui sono firmatario relativa agli Interventi regionali per la conservazione e gestione della fauna selvatica e per la pianificazione e regolamentazione dell'attività faunistico-venatoria. Si tratta di una normativa che evidenzia come la Regione debba promuovere ed attuare specififici interventi in questo settore". Lo ha dichiarato il Vice presidente della commissione Agricoltura, Mario Abbruzzese.

"Ci riferiamo, in particolare alla predisposizione di un pianodi azione per la conservazione e la gestione delle specie di fauna selvatica, anche attraverso la sperimentazione di specifici interventi agricoli; alla ricerca, al monitoraggio e al controllo sullo stato di conservazione delle specie, con particolare riferimento agli habitat e alla fauna di importanza comunitaria, al rilevamento, dei dati relativi all'attività riproduttiva e alla consistenza della fauna selvatica stanziale. Nonché alla prevenzione dei danni causati dalla fauna selvatica alle attività agricole, zootecniche o ad altre attività umane e alla tutela delle produzioni zoo-agro-forestali e alla protezione dei fondi coltivati e degli allevamenti.

In tale contesto, il ruolo centrale lo assume anche la definizione, in sede di emanazione del calendario venatorio regionale, dei periodi di caccia alle singole specie di fauna selvatica oggetto di prelievo venatorio ai sensi della vigente normativa comunitaria e statale, definizione che, ai fini di una corretta pianificazione e regolamentazione dell'attività faunistico-venatoria, necessariamente postula il rilevamento, l'analisi e l'elaborazione dei dati sopra citati. A tale scopo si ritiene necessario la costituzione di una struttura organizzativa regionale (denominata Centro Regionale per la Fauna Selvatica), dotata delle risorse, competenze e professionalità necessarie, coadiuvata da un comitato tecnico-scientifico in grado di svolgere tutte queste attività. Intanto proprio ieri l'assessore all'agricoltura, Sonia Ricci mi ha comunicato la proroga fino al 10 Febbraio 2014 della stagione venatoria". Ha concluso Abbruzzese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, Abbruzzese (FI): italicum darà vita a limpido bipolarismo. Debiti Pubblica Amministrazione

FrosinoneToday è in caricamento