menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FUNZIONE MONTECASSINO

FUNZIONE MONTECASSINO

Cassino, carabinieri festeggiano all'abbazia il Natale con i familiari

Nella serata di ieri, 15 dicembre 2014, per lo scambio degli auguri Natalizi, si è tenuta presso l’Abbazia di Montecassino, una Santa Messa a cui hanno partecipato i Carabinieri della Compagnia di Cassino con i rispettivi familiari e una...

Nella serata di ieri, 15 dicembre 2014, per lo scambio degli auguri Natalizi, si è tenuta presso l'Abbazia di Montecassino, una Santa Messa a cui hanno partecipato i Carabinieri della Compagnia di Cassino con i rispettivi familiari e una rappresentanza della locale associazione Carabinieri in congedo.

La Santa Messa è stata officiata da S.E. Reverendissima Dom Donato OGLIARI, Abate di Montecassino con la partecipazione di Don Antonio POTENZA.

Al termine della funzione il Capitano Silvio DE LUCA, a nome di tutti i componenti della Compagnia Carabinieri di Cassino, in servizio e in congedo, e delle loro famiglie, nonché delle ANC, nel donare il "pastorello", ha ringraziato il Padre Abate e Don Antonio POTENZA, per aver consentito, anche quest'anno, di perpetuare una tradizione ormai quasi trentennale; sono, infatti, 27 anni che a Natale i Carabinieri di Cassino donano ai frati Benedettini, un pastorello per adornare il presepe dell'Abbazia.

Il Capitano si è poi soffermato sul duplice significato di tale tradizione:

il primo è quello di consolidare il rapporto con l'abbazia e, quindi, con l'ordine benedettino con cui l'Arma è accomunata da sentimenti come l'altruismo, la generosità d'animo e la solidarietà.

Secondo, è un'occasione per coinvolgere anche le famiglie con cui condividere un momento di gioia e serenità; sono le famiglie, infatti, il pilastro della nostra società ma, soprattutto, supporto con cui i carabinieri condividono i molti sacrifici che quotidianamente affrontano.

E' giusto, invece, coinvolgere le famiglie soprattutto in momenti sereni come quello di ieri, impreziosito dalla presenza del Padre Abate; momenti in cui si esaltano quei valori positivi che la famiglia trasmette ai propri figli, come i valori positivi che una grande famiglia, come l'Arma vuole trasmettere alle comunità che ai Carabinieri quotidianamente si affidano.

L'Ufficiale ha poi proseguito illustrando il contenuto del calendario dell'Arma di quest'anno che ha come tema, appunto, la famiglia.

Al termine, il Capitano, nel formulare a tutti gli auguri per un sereno Natale e un Nuovo Anno ricco di gioie e soddisfazioni, ha ringraziato i Carabinieri della Compagnia di Cassino, anche chi non ha potuto prendere parte alla celebrazione, per aver contribuito alla realizzazione della serata; un ringraziamento soprattutto ai decani della Compagnia per essere i custodi ma, soprattutto, i propulsori di tale tradizione.

COMPAGNIA Di PONTECORVO

Ieri sera, in Roccasecca, nei pressi dello scalo ferroviario, i militari del N.O.R.M. - Aliquota Radiomobile , coadiuvati dai militari della Stazione Carabinieri di Arce, procedevano all'arresto, poiché colto nella flagranza di reato di un 48enne (senza fissa dimora in Italia), in quanto ritenuto responsabile di " resistenza ad incaricato di pubblico servizio, tentato furto aggravato e danneggiamento aggravato".

I militari operanti intervenivano in Roccasecca, piazzale della stazione ferroviaria, poichè, lo stesso, veniva sorpreso da un militare della Guardia di Finanza fuori servizio, mentre tentava di asportare un'autovettura fiat punto. Rilevando lo stato di alterazione psico-fisica dell'arrestato, verosimilmente causato dall'ingestione smodata di sostanze alcoliche, sul posto interveniva anche il personale medico del 118 di Cassino. Nel corso delle cure, immediatamente prestate all'interno dell'ambulanza sopraggiunta, il fermato reagiva violentemente contro i paramedici, scagliandogli contro varie bocce di vetro per flebo, proferendo contestualmente frasi gravemente minacciose e danneggiando l'interno dell'autolettiga. Prontamente bloccato dai militari intervenuti, veniva contestualmente tratto in arresto. L'Autorità Giudiziaria, informata dai militari operanti, disponeva il trattenimento dell'arrestato all'interno della camera di sicurezza.

Ricorrendone i presupposti, al prevenuto veniva altresì notificato l'avvio del procedimento amministrativo finalizzato alla emissione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno nel comune di Roccasecca

Nella Mattinata odierna veniva celebrato il giudizio per direttissima a seguito del quale il prevenuto veniva condannato a mesi 8 di reclusione con sospensione condizionale della pena.

Ieri, in Castrocielo, i militari della Stazione di Aquino, traevano in arresto un 59enne del posto, poiché ritenuto responsabile del reato di "atti persecutori cd. Stalking".

Gli accertamenti effettuati dai militari operanti, scaturiti dalla denuncia - querela formalizzata nella decorsa mattina, da una giovane residente a Castrocielo, permettevano di verificare che il prevenuto aveva reiterato condotte violente e persecutorie nei confronti della ex convivente e della denunciante. L'arrestato veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari, in aderenza alle disposizioni impartite dalla competente Autorità Giudiziaria

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento