3T Frascati Sporting Village (nuoto), duecento appassionati per la grande festa dello “Staffettone”

La piscina del 3T Frascati Sporting Village si è riempita all’inverosimile sabato pomeriggio per la seconda edizione dello “Staffettone”, una manifestazione sportiva con chiara finalità di beneficenza ideata nella passata stagione dal club del...

La piscina del 3T Frascati Sporting Village si è riempita all’inverosimile sabato pomeriggio per la seconda edizione dello “Staffettone”, una manifestazione sportiva con chiara finalità di beneficenza ideata nella passata stagione dal club del presidente Massimiliano Pavia e riproposta con ancora maggiore fortuna quest’anno. La risposta degli appassionati di nuoto è stata notevolissima visto che sono state allestite quattro squadre da cinquanta atleti ognuna per un totale di 200 atleti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti i partecipanti, di età compresa tra i 6 e i 60 anni, hanno nuotato i loro cinquanta metri nello stile preferito (per la maggior parte lo stile libero) prima di lasciare il testimone al compagno. Alla fine dell’ora (circa) di gara ha avuto la meglio la squadra denominata 3T Pallanuoto che l’ha spuntata sulla 3T Nuoto, sul Frascati Sporting Village e sulla squadra capitolina del Team Asia Nuoto. «E’ stata una grande festa di sport e siamo molto felici del clima che abbiamo vissuto e della riuscita di questa manifestazione» ha commentato Udo Paolantoni, responsabile del settore nuoto del 3T Frascati Sporting Village. D’altronde il lato agonistico non era quello preponderante di questa manifestazione: l’incasso, infatti, è stato devoluto all’associazione Kim. La onlus capitolina afferma con forza il diritto alla salute di tutti i minori gravemente malati accogliendoli nel proprio centro e da ogni parte del mondo, da Paesi che non hanno strutture adeguate per curarli e dall’Italia se vivono in situazioni di disagio e inoltre sensibilizzando l’opinione pubblica e l’intera comunità, facendosi responsabile nel promuovere il diritto all’accesso di cure sanitarie per tutti i minori, indipendentemente dal loro stato sociale. Al termine della manifestazione sono stati premiati i componenti della squadra vincitrice con coppe e medaglie, ma anche tutti gli altri partecipanti. Inoltre a tutti è stato consegnato un piccolo gadget pensato e prodotto direttamente dalle mamme che si sono rivolte alla Kim per essere aiutate nella loro complicata situazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento