Aprilia, incendio presso l’azienda eco x di Pomezia: Arpa, risultati confortanti

Si rende noto che l’Arpa Lazio in data odierna ha trasmesso al Sindaco di Aprilia una nota informativa relativa ai rilievi sulla presenza di inquinanti nell’area interessata dall’incendio divampato lo scorso 5 maggio presso il sito industriale Eco...

aprilia-municipio-27-aprile

Si rende noto che l’Arpa Lazio in data odierna ha trasmesso al Sindaco di Aprilia una nota informativa relativa ai rilievi sulla presenza di inquinanti nell’area interessata dall’incendio divampato lo scorso 5 maggio presso il sito industriale Eco X di Via Pontina Vecchia a Pomezia.

Stante la nota, nelle giornate dal 16 al 21 maggio, le concentrazioni misurate presso le stazioni di Ciampino, Cinecittà e Fermi e quelle rilevate dal mezzo mobile situato nell’abitato di Albano, hanno fornito valori inferiori ai limiti imposti dal D.Lgs. 155/2010 ed in linea con quelli rilevati nelle giornate precedenti l’incendio.

Per quanto riguarda le misurazioni effettuate con campionatori specificamente installati nelle immediate vicinanze dell’incendio, nonché presso la sede municipale di Pomezia, in Piazza Indipendenza, sono stati raccolti i filtri per la determinazione del pm10. L’andamento delle ultime concentrazioni di quest’ultimo conferma, in entrambe le postazioni mobili installate nel Comune di Pomezia, valori inferiori al limite imposto ed in linea con quelli misurati dalla rete fissa di monitoraggio nello stesso periodo.

Per quanto riguarda invece il campionatore per il pm10 situato nelle immediate vicinanze dell’incendio, sono state completate le analisi per la ricerca di microinquinanti organici sui campioni di pm10 relativi alle giornate del 13 e del 14 maggio. La concentrazione di benzo(a)pirene, l’unico idrocarburo policiclico aromatico (IPA) normato, evidenzia un andamento in diminuzione; l’ultimo valore rilevato continua ad essere inferiore al limite medio annuale. Le concentrazioni di diossine e furani rilevate nelle vicinanze dell’incendio, tra il 9 e il 14 maggio, confermano il trend decrescente messo in evidenza nelle precedenti rilevazioni. Anche le concentrazioni di PCB evidenziano una costante diminuzione.

In analogia a quanto fatto per i campioni prelevati nelle vicinanze dell’incendio, sono state determinate le concentrazioni di inquinanti organici sui filtri di pm10 campionati il 13 e il 14 maggio presso la sede municipale di Pomezia. Secondo i risultati ottenuti, la concentrazione di benzo(a)pirene è inferiore al limite medio annuale; le concentrazioni di PCB e diossine sono in linea con quelle normalmente riscontrabili in ambiente urbano e con i valori misurati in precedenti analoghe campagne di monitoraggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto concerne infine i BTEX (benzene, toluene, etilbenzene e xileni), sono stati analizzati i campionati relativi al periodo dal 9 all’11 maggio. Nei due siti più vicini all’incendio (Via Pontina Vecchia km. 33,38 e Via delle Gardenie altezza civico 21C), le concentrazioni di benzene rilevate in quel periodo sono di poco superiori al limite di 5 microgrammi al metro cubo, calcolato come media annuale, previsto dal D.Lgs. 155/2010. L’andamento dei valori misurati mostra comunque una rapida diminuzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento