rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Castelli

Aprilia, riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi e copertura del maggiore disavanzo, l’intervento dell’Amministrazione

Questa mattina, presso l’Aula Consiliare del Comune di Aprilia, sede municipale di Piazza Roma, è stata convocata la V Commissione Consiliare Permanente, Finanze. Nel corso della seduta, l’Assessore con deleghe di competenza Roberto Mastrofini ha...

Questa mattina, presso l'Aula Consiliare del Comune di Aprilia, sede municipale di Piazza Roma, è stata convocata la V Commissione Consiliare Permanente, Finanze. Nel corso della seduta, l'Assessore con deleghe di competenza Roberto Mastrofini ha relazionato i commissari sul riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi e sulla necessità di trovare copertura finanziaria al maggiore disavanzo.

"L'introduzione del nuovo sistema contabile a partire da gennaio 2015 - ha detto l'Assessore Mastrofini - ha reso necessarie attività dall'impatto estremamente significativo sui rendiconti 2014 e sui bilanci di previsione per l'anno in corso. In modo particolare, l'attività di riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi e l'apposizione di vincoli e accantonamenti al risultato di amministrazione, limitano in modo quasi completo la capacità di spesa delle amministrazioni locali.

Il riaccertamento straordinario è finalizzato ad adeguare lo stock dei residui attivi e passivi formatisi prima dell'entrata in vigore del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, alla nuova configurazione del principio contabile della competenza finanziaria.

Trattandosi di un'attività gestionale, meramente ricognitiva dei residui esistenti e di adeguamento degli stessi (con applicazione di vincoli ed accantonamenti), al principio contabile generale della competenza finanziaria, il riaccertamento straordinario dei residui è adottato con Delibera di Giunta, previo parere dell'organo di revisione economico-finanziario.

Il disavanzo di amministrazione dal giorno 1 gennaio 2015, derivante dal riaccertamento straordinario dei residui, pari a circa 43 milioni di euro, deriva in conclusione non dall'emersione di debiti dell'amministrazione o da problemi di bilancio, ma in via principale dall'obbligo di effettuare gli accantonamenti che, quindi, limiteranno la possibilità di utilizzare risorse negli anni futuri.

La delibera consiliare di determinazione delle modalità di recupero del maggiore disavanzo derivante dal riaccertamento straordinario dei residui indica l'importo del recupero annuale da ripianare in quote costanti nei singoli esercizi, fino al completo recupero".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aprilia, riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi e copertura del maggiore disavanzo, l’intervento dell’Amministrazione

FrosinoneToday è in caricamento