Ariccia, Marinelli contro antenne potenzialmente pericolose ai castelli

Il vice responsabile regionale dell’Italia dei Diritti si esprime sui rischi delle apparecchiature a Montecompatri, località Pratarena

Antenne Montecompatri

Il vice responsabile regionale dell’Italia dei Diritti si esprime sui rischi delle apparecchiature a Montecompatri, località Pratarena

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riguardo all’installazione, ormai già avviata nella località Pratarena di Montecompatri, di apparati El Towers S.p.A., arriva l’intervento del vice responsabile regionale per l’Italia dei Diritti Vittorio Marinelli che ha voluto commentare il problema delle antenne, in merito alle quali si sono già espressi comitati civici locali, preoccupati sia per i rischi verso la salute dei cittadini che per il danno paesaggistico. “Sembra che il problema si trasferisca da un sito all’altro, ma finché non ci sarà consapevolezza della necessità di cambiare tecnologie, la questione appare irrisolvibile. Viviamo sotto un continuo bombardamento elettromagnetico, partendo dal phon sino all’apparentemente innocuo forno a microonde, già bandito in Russia, vittime di una schizofrenia collettiva. Vediamo da una parte utenti inferociti per il segnale debole sul telefonino, dall’altra mamme sul piede di guerra per il traliccio di fronte alla scuola. A noi sembra uno scontro epocale tra la salute delle persone e gli interessi di un’economia malata e che, anziché deturpare i Castelli Romani o i Colli Albani, sia necessario pensare a soluzioni satellitari. Perciò ben vengano le spedizioni su Marte e Plutone – ha dichiarato ironicamente l’avvocato romano esponente dell’IDD -. Tuttavia, senza aspettare i tempi della NASA, esistono già tecnologie meno invasive, così come scelte economiche di limitazione del danno, tra cui il roaming o la trasmissione via cavo. Per esempio – si domanda - che fine ha fatto il progetto Fido-DECT degli anni ’90, le cui antenne sembravano emettere onde elettromagnetiche meno dannose e che ancora non sono state smantellate? Auspichiamo che l’amministrazione di Montecompatri si informi su queste tecnologie organizzando convegni a tema che sveglino, prima che le cellule tumorali, le coscienze”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento