menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Monte Porzio Catone, con oltremuseo memorie di guerra raccolte sui Monti Aurunci

Il Polo Museale di Monte Porzio Catone nell’ambito del ciclo di incontri “Oltremuseo” propone, in occasione della Festa della Donna, il 12 marzo ore 17,30  un evento in memoria delle violenze subite dalle donne durante la Seconda guerra mondiale.

Il Polo Museale di Monte Porzio Catone nell'ambito del ciclo di incontri "Oltremuseo" propone, in occasione della Festa della Donna, il 12 marzo ore 17,30 un evento in memoria delle violenze subite dalle donne durante la Seconda guerra mondiale.

Il Museo diffuso del Vino di Monte Porzio Catone, luogo della memoria contadina dei Castelli Romani, si offre come palcoscenico per la narrazione delle memorie di guerra raccolte sui Monti Aurunci.

Presentazione del libro di Antonio Riccio "Le violenze dei Goumiers. La memoria della seconda guerra mondiale nei Monti Aurunci", edito a Roma nel 2015 dalla Casa editrice Aracne. Confronto con l'autore moderato da Renato Santia.

Il libro raccoglie memorie e ricordi degli ultimi testimoni sopravvissuti alla Seconda guerra mondiale che, come noto, vide il basso Lazio teatro di una delle più cruente campagne militari, con effetti drammatici sulle popolazioni locali. Dalla memoria traumatica delle narrazioni emerge, dopo un lungo periodo di silenzio, l'oscuro dramma delle violenze perpetrate dai goumiers (soldati marocchini al seguito dell'esercito francese) ai danni delle popolazioni locali e in particolare delle donne. Le interpretazioni di questa violenza, gli strascichi, la vergogna e la lunga autocensura, accanto a una rinnovata presa di coscienza e all'impegno a non dimenticare, fanno di questo patrimonio una risorsa per il presente e il futuro di una terra che è diventata un "distretto della memoria" di interesse globale.

A seguire si assisterà alla proiezione del cortometraggio "Gemma di Maggio" di Lorenzo Giovenga e Giuliano Giacomelli.

Interverranno per l'occasione i due registi, per portare il loro contributo di giovani che scoprono oggi questa "storia dimenticata dalla storia", che si estrinseca nella scelta narrativa del loro linguaggio cinematografico, utilizzato per raccontare la vicenda di Gemma, giovane ragazza che insieme al fidanzato cerca scampo dai goumiers. Prodotto nel 2015, dopo quasi 60 anni da La Ciociara, il cortometraggio della durata di 17 minuti, girato a Lenola, in una delle comunità martiri colpite dai goumiers, riserva un finale suggestivo, con l'intervento di Franco Nero.

La serata si concluderà con la degustazione del vino Lentisco (Bianco Igt Lazio)

Un vino bianco proveniente dai luoghi delle narrazioni storiche, in particolare da piccoli appezzamenti di vigneto situati tra Formia e Spigno Saturnia che sarebbero certamente andati perduti se la Piccola cooperativa Terra delle Ginestre non si fosse impegnata per la loro salvaguardia. Frutto di un lungo lavoro di ricerca multidisciplinare svolto in collaborazione con la Cantina sperimentale di Velletri (oggi Crea - Enc), il Lentisco è ottenuto da uve Bellone in purezza e matura in botti di castagno, caratteristiche (ampelografiche ed enologiche) che lo accomunano ai vini della tradizione dei Castelli Romani.Ingresso Libero. Organizzazione Associazione Culturale Manacubba

www.manacubba.it - Tel 3207871831 - museimpc.manacubba@gmail.com

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento