Rocca Priora calcio (I cat.), Casagrande: «Il nostro più grande avversario siamo noi stessi»

La Prima categoria del Rocca Priora ha finalmente battuto un colpo. Dopo un lungo periodo negativo, la squadra attualmente affidata a mister Daniele Angeloni ha ritrovato il successo e lo ha fatto con un rotondo 3-0 sul difficile campo del...

casagrande gioc derb (3)

La Prima categoria del Rocca Priora ha finalmente battuto un colpo. Dopo un lungo periodo negativo, la squadra attualmente affidata a mister Daniele Angeloni ha ritrovato il successo e lo ha fatto con un rotondo 3-0 sul difficile campo del Castelverde.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Protagonista assoluto dell'incontro è stato il centrocampista classe 1987 Alan Casagrande, autore dei due gol (i suoi primi sigilli in stagione) con cui il Rocca Priora ha chiuso il primo tempo sul doppio vantaggio, poi ulteriormente allargato dalla rete di Rocchi a metà ripresa. «Un successo che ci voleva e che ci regalerà tanta fiducia in vista del finale di stagione – dice Casagrande – Abbiamo fatto una partita importante su un campo per nulla semplice e soprattutto non siamo quasi mai andati in sofferenza, gestendo bene il vantaggio acquisito sin da subito». La situazione di classifica rimane complicata visto che il Rocca Priora è distante sette punti dalla salvezza diretta, ma il centrocampista (che in passato ha avuto anche esperienze importanti come quella in Eccellenza con la Vis Artena) si dice fiducioso sulle possibilità della sua squadra. «Questo gruppo non merita assolutamente l'attuale classifica, purtroppo i risultati negativi ci hanno tolto autostima e quindi il nostro più grande avversario siamo diventati noi stessi. Ma non abbiamo mai smesso di credere alla possibilità di poter invertire questa tendenza: siamo convinti di poter risalire, mancano ancora tante partite e diverse di queste le giocheremo in casa». Come quella di domenica prossima quando al "Montefiore" arriverà l'Atletico Genazzano, squadra che ha 25 punti e che non si può dire ancora salva. «Sarà una partita tosta, ma noi non possiamo preoccuparci dell'avversario di turno – dice Casagrande – Da qui alla fine della stagione dovremo giocare sempre come fosse una finale e sfruttare il fattore campo. Poi tireremo le somme e vedremo dove saremo riusciti ad arrivare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento