Castelli

Velletri, Greci (LIVE): l’impianto biogas non s’ha da fare  e la Commissione servirà proprio a questo scopo

L’impianto di biogas non s’ha da fare!”. Scomoda persino motti di manzoniana memoria il dottor Giorgio Greci, capogruppo della lista Laboratorio Idee Velletri, per ribadire in maniera perentoria il proprio ‘no’ al progetto dell’impianto di...

L'impianto di biogas non s'ha da fare!". Scomoda persino motti di manzoniana memoria il dottor Giorgio Greci, capogruppo della lista Laboratorio Idee Velletri, per ribadire in maniera perentoria il proprio 'no' al progetto dell'impianto di digestione anaerobica dei rifiuti. La precisazione arriva a stretto giro di posta col via libera consiliare all'approvazione di una Commissione speciale, che andrà a discutere proprio sull'opportunità di ingolfare l'area di Lazzaria di un nuovo polo dei rifiuti, da far sorgere a poca distanza dalle varie discariche che negli anni vi si sono assiepate.

Nel ginepraio delle polemiche è già finita una Commissione che non ha trovato concordia tra chi si è trovato a commentarne l'istituzione, tanto da suscitare profondi malumori e numerosi scotimenti di capo all'interno di Comitati e Associazioni.

Greci, al solito, preferisce non fasciarsi la testa, quanto rimboccarsi le maniche per provare, sino in fondo, a giocarsi tutte le carte che ostacolino un progetto ritenuto sin dai primordi "dannoso per il territorio e la salute dei cittadini". E' un Greci, quindi, che sprona tutti a prendere sul serio la Commissione, conscio di come un lavoro certosino da parte dell'opposizione possa incrinare le certezze della maggioranza, sino ad indurla, carte alla mano, ad un clamoroso passo indietro.

"Premetto e ribadisco la mia totale contrarietà all'impianto di biogas", premette il consigliere di opposizione, che davvero non ci sta a passare per quello che ha incassato la 'vittoria' sulla Commissione già sapendo che la sua istituzione servirà a poco. "Non credo affatto - ci tiene allora a precisare - che si rivelerà un organo senza alcun potere. E' proprio al suo interno, al contrario, che si giocheranno le sue fasi decisive di una 'partita' in cui l'esito non è affatto scontato".

"Piuttosto che presentare una mozione secca contenente un rigoroso 'no' al biogas - che sono certo avrebbe compattato la maggioranza, sino ad indurla a bocciarla sonoramente - sapere di poterne discutere in commissione aumenterà sicuramente le possibilità di ostacolare ed interrompere per sempre l'iter realizzativo. Se la Commissione non verrà esautorata dei suoi poteri e potrà ben lavorare sono certo che riusciremo a stilare un documento sulla inidoneità dell'impianto dal punto di vista ambientale e sanitario. A quel punto sarà difficile per la maggioranza ostinarsi ad andare avanti in un progetto chiaramente dannoso per la qualità di vita dei cittadini e per la salubrità di quanto prodotto dalle nostre aziende agricole. Ci prenderemo tutto il tempo necessario - conclude il capogruppo di Live - affinchè vengano sviscerate tutte le carte e si facciano indagini profonde, tramite l'ausilio di tecnici competenti e dalla comprovata esperienza professionale. Il nostro non è un muro contro muro sterile e fine a se stesso, quanto un modo per far valere le proprie ragioni, tramite il supporto di professionisti, per poter poi condurre la maggioranza a più miti propositi. Se poi la commissione dovesse tradire le attese non ci fermeremo certamente lì, facendo in modo di fermare comunque quello che riteniamo un progetto del tutto sproporzionato agli interessi del nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Velletri, Greci (LIVE): l’impianto biogas non s’ha da fare  e la Commissione servirà proprio a questo scopo

FrosinoneToday è in caricamento