rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Roma

Ciampino, Boccali: «Dovute le dimissioni di Marino, ma faccia chiarezza prima di lasciare. Renzi come Schettino»

Il Consigliere si esprime in merito alle recenti vicende politiche della Capitale

Il Consigliere si esprime in merito alle recenti vicende politiche della Capitale

«Si avvia a un'indecorosa conclusione la parabola di uno dei peggiori Sindaci che la storia di Roma ricordi - commenta Ivan Boccali, Presidente di Gente Libera - dalle dimissioni alla clamorosa scissione dallo schieramento che lo ha portato al Governo della Capitale. Fin dal principio è apparso evidente che il PD capitolino aveva "raschiato il fondo del barile" mettendo in campo una figura del tutto avulsa dai meccanismi e dalle dinamiche della gestione amministrativa. I risultati non sono tardati: scandali politici, caos viabilità, cantieri infiniti, l'acuirsi della crisi della piccola impresa, funerali shock, vivibilità ai minimi termini. Incapacità manifesta e un massacro mediatico senza precedenti, in pochi mesi hanno attirato sul Sindaco-Dottore gli strali dell'intera cittadinanza - continua Boccali - ma non solo. Lo stesso Renzi, novello Schettino, si è affrettato ad abbandonare la nave che affonda lasciando al suo destino il Primo Cittadino uscente e dichiarando la rottura del patto tra Amministrazione comunale e Città. Anno zero, dunque? Tutt'altro. Marino, infatti, annuncia rivelazioni sui presunti poteri occulti dietro le quinte della Città. Allora prima di lasciare parli, faccia chiarezza sulle lobby e sui responsabili del cancro del malaffare che si nasconde dietro la facciata rispettabile. Diversamente, gli scheletri nell'armadio non consentiranno nessun reale rinnovamento. Roma continuerà ad essere in balia degli interessi di pochi e i Romani a subirne le pesanti conseguenze. Il tutto - conclude - con un Giubileo alle porte e i Giochi Olimpici da pianificare».

Sara Marazza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciampino, Boccali: «Dovute le dimissioni di Marino, ma faccia chiarezza prima di lasciare. Renzi come Schettino»

FrosinoneToday è in caricamento