menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ciampino ater 4

ciampino ater 4

Ciampino, palazzine ATER: ieri arriva "Mi Manda Rai 3", oggi torna la luce

Fine del contenzioso tra ATER e ACEA, ma i problemi restano

  • Fine del contenzioso tra ATER e ACEA, ma i problemi restano

Buone notizie per gli abitanti delle case ATER di via Bruxelles. Questa mattina gli inquilini si sono svegliati constatando il ritorno della corrente elettrica nelle palazzine C e D, con la conseguente ripresa del funzionamento dell'ascensore, dell'autoclave e dei citofoni. Sembra quindi che le insolvenze tra ATER e ACEA siano rientrate e che quei cittadini, in maggioranza anziani o disabili, possano tornare finalmente a uscire di casa. Nei giorni scorsi infatti, la situazione in cui versava la famiglia dell'ultimo piano, dove abita una persona con problemi motori impossibilitata a uscire di casa per via del mancato funzionamento dell'ascensore, aveva destato l'attenzione anche della Polizia Locale, che è andata ad accertarsi delle sue condizioni di salute. Ma, durante queste due settimane di attesa "al buio", gli inquilini delle palazzine non si sono dati per vinti. E proprio ieri è arrivata una troupe televisiva del programma "Mi Manda Rai 3" a intervistare alcune delle famiglie coinvolte nei disagi. L'obiettivo è stato quello di portare "alla luce" - forse è proprio il caso di dirlo - le emergenze che gli abitanti ATER quotidianamente vivono e i difficili rapporti con l'ente, che non fornisce la giusta manutenzione alle abitazioni che gestisce. La puntata in questione dovrebbe andare in onda nel corso dei prossimi giorni, probabilmente nella mattinata di mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 su Rai 3. Ora che la situazione più grave è risolta, è arrivato il momento di preoccuparsi delle problematiche strutturali di quei palazzi, che versano in gravi condizioni di degrado e mala-gestione. Proprio ieri sono stati mandati due operai a riparare le pompe dell'acqua, che riscontrano forti perdite. Ma paradossalmente, a causa dell'elettricità che ancora mancava nel palazzo, gli operai sono dovuti tornare senza poter aggiustare nulla. Sicuramente i disagi maggiori sono vissuti dagli inquilini degli ultimi piani, che subiscono gravi danni causati da muffe e infiltrazioni, dovuti a solai mal-costruiti o non finiti. Inoltre, anche l'acqua corrente fa fatica ad arrivare, a causa del mal-funzionamento dell'impianto idrico. Pertanto, finché le abitazioni non verranno messe a norma, la condizione emergenziale non potrà dirsi conclusa. Sara Marazza

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento