Colleferro, dopo l'incendio agli inceneritori ecco la denuncia e due interrogazioni alla Raggi ed a Zingaretti

Si torna a parlare dell’incendio agli inceneritori di Colleferro di qualche giorno fa. Si è trattato di un nastro trasportatore che si era incastrato con dei rifiuti, il fuoco, per fortuna è durato pochi minuti ed è stato subito spento dalle...

rocco-firma

Si torna a parlare dell’incendio agli inceneritori di Colleferro di qualche giorno fa. Si è trattato di un nastro trasportatore che si era incastrato con dei rifiuti, il fuoco, per fortuna è durato pochi minuti ed è stato subito spento dalle maestranze che lavorano sulle due linee.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante questo l’apprensione in città è salita subito alla stelle è c’è chi, addirittura, è arrivato a sporgere denuncia ai carabinieri per fare chierezza sull’accaduto (ieri abbiamo pubblicato la nota ufficiale di Lazio Ambiente, la società regionale che gestisce l’impianto e che ha spiegato nel dettaglio cosa è successo). Inoltre, sempre in questi giorni sono state presentate due interrogazioni, sempre sull’incendio, in regione dal consigliere Luca Malcotti (cuori italiani) e l’altra all’area metropolitana da Alessandro Priori (Cuori italiani) che vanno a rafforzare quanto dichiarato nella denuncia. “Dopo l’incendio - spiega in una nota l’Avv. Rocco Sofi - è stata presentata una denuncia alle Autorità competenti da parte dell’associazione Areaconsumatori che contiene in sé tutti gli elementi di accusa che emergono dal comportamento colpevole di chi amministra questo territorio. Dovrebbero tutelarci informando ed informarci anche per tutelarci. Invece ci condannano prima al peggio e poi a restare al buio. Ci beffano con risposte di ufficio che non spiegano, non tranquillizzano e nemmeno soddisfano. Grave ciò che accade nei nostri cieli. Ancora più grave la nuvola di disinformazione e disprezzo per la trasparenza che assorbe, alla fine, tutti, vittime e carnefici. Viene da chiedersi se anche loro la respirino proprio come noi, quest' aria malata, sporcata e mal gestita. C'è da chiedersi ancora molto e se le risposte giuste non arriveranno attraverso un confronto civico e civile vorrà dire che arriveranno tramite riscontri giuridici”. Ovviamente la situazione è grave e sempre di estrema attualità perché riguarda il futuro non solo della città di Colleferro e dei suoi cittadini ma anche di quelli dei territori circostanti. E ripartono le polemiche sul futuro degli inceneritori, sulla loro utilità e utilizzo, sulla loro sicurezza e sui livelli di inquinamento che da troppo tempo ormai danneggiano l’aria che noi respiriamo. Si attendono sviluppi.

Dan. Flav.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento