menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colleferro, duro attacco dell’On. Sbardella e di Paniccia al sindaco; incapacità politica nella gestione dell’ospedale

"La Colpa è del sindaco che non sta facendo nulla per farsi ascoltare per quanto riguarda l’ospedale" questo quanto dichiarato dall’On. Pietro Sbardella ( consigliere Regionale) intervenuto giovedì al convegno indetto dai Conservatori Riformisti...

"La Colpa è del sindaco che non sta facendo nulla per farsi ascoltare per quanto riguarda l'ospedale" questo quanto dichiarato dall'On. Pietro Sbardella ( consigliere Regionale) intervenuto giovedì al convegno indetto dai Conservatori Riformisti svoltosi nella sala del Muraccio di Sant'Antonio dal titolo "Fare Impresa Oggi in Italia".

A rincarare la dose il sig. Rosario Nasti che ha ricordato che: "Noi siamo un'azienda di Colleferro ed abbiamo costruito ospedali in tutt'Italia, ma quando accaduto nella mia città ha dell'assurdo. Adesso il direttore De Salazar neanche vuole ricevere le nostre telefonate, anche se lo abbiamo diffidato. Noi abbiamo rispettato tutti i termini, abbiamo consegnato i nuovi reparti a Novembre scorso, con i lavori iniziati 10 anni fa. Tra Regione e Asl c'è un rimpallo incredibile di responsabilità, intanto le banche stanno stringendo la cinghia ed io sto per mettere in cassa integrazione 30/40 dipendenti perché non riesco a riscuotere i circa 2,5 milioni di euro per colpa della burocrazia e dello scarico barile di responsabilità".

Dopo questo intervento Piero Sbardella ha fatto leggere una lettera dalla quale si evince chiaramente tutto questo scarica barile di responsabilità ed ha promesso che molto presto incontrerà De Salazar (direttore Generale ASL RGM) per vedere come poter fare per risolvere questo problema che intanto investe circa 40 famiglie. Poi, per la funzionalità della nuova struttura (che sta diventando vecchia) si vedrà.

A rincarare la dose contro il mal governo della cosa pubblica di Colleferro, in particolare sulla vicenda dell'ospedale, ci ha pensato il coordinatore locale del Conservatori Riformisti Remo Paniccia (ex presidente del Consiglio Comunale): "nonostante la buona volontà dei medici, degli infermieri e di quanti vi lavorano l'ospedale, di fatto, sembra essere nel più completo abbandono. C'è stata la presa in giro di Zingaretti venuto a dare man forte al Sindaco Sanna, facendo un'inaugurazione "fantoccia" che dimostra chiaramente come i cittadini di Colleferro siano stati presi in giro da questi vecchi e nuovi politici. Con il sindaco Cacciotti i reparti di Ginecologia e ostetricia non furono chiusi. Con l'avvento del sindaco Sanna, invece, alcuni reparti importati come ostetricia e ginecologia sono stati trasferiti a Palestrina. Ospedale dove gli setssi reparti saranno destinate alla chiusura, perché non raggiunge le mille nascite come previsto dal decreto Ministeriale, almeno che Leodori (presidente del Consiglio regionale del Lazio) e Rodolfo Lena ( presidente Commissione Regionale Salute) non facciano altri miracoli per tenerlo in piedi". Inoltre, Paniccia nell'affrontare anche altri temi della città, ha "picchiato" duro sull'ambiente, con la città che invece di migliorare va sempre più indietro. La città è molto più sporca. Sanna ha promesso di far chiudere i termovalorizzatori per la salute della gente. Invece è ancora tutto fermo. Non permettono alla Italcementi di fare altra occupazione. Insomma, abbiamo assistito ad un vero e proprio attacco frontale tanto da far esclamare allo stesso Paniccia "dopo la vittoria di Sanna con tutti questi propositi che aveva mi ero un tantino rincuorato per i buoni propositi. Ma adesso sono veramente deluso perché è il classico bla-bla alla Renzi, alla Zingaretti".

Giancarlo Flavi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento