Martedì, 26 Ottobre 2021
Roma

Colleferro, entro aprile la gestione dell'acqua pubblica passerà all'ACEA. In arrivo bollette pesantissime

Sarà il commissario prefettizio Dott. ssa Alessandra De Notaristefani di Vastogirardi  a consegnare all'ACEA ATO 2 la gestione dell'acqua pubblica della città Colleferro e ciò avverrà entro brevissimo termine con decisione di Consiglio Comunale.

Sarà il commissario prefettizio Dott. ssa Alessandra De Notaristefani di Vastogirardi a consegnare all'ACEA ATO 2 la gestione dell'acqua pubblica della città Colleferro e ciò avverrà entro brevissimo termine con decisione di Consiglio Comunale.

Questo è quanto ci ha confermato la Dott.ssa De Notaristefani di Vastogirardi che abbiamo incontrato in comune. "C'è l'obbligo di legge - ci dice appunto il Commissario- anche perché il 16 marzo scorso abbiamo ricevuto dalla Regione Lazio, direzione Regionale infrastrutture, ambiente e politiche abitative area Risorse Idriche, un'intimazione a seguito del D. Lgs 156/206 per l'affidamento in concessione d'uso gratuito al gestore il servizio integrato delle infrastrutture idriche di proprietà comunale, entro il termine perentorio di 30 giorni. Di fronte a questa lettera aggiunge il Commissario non ho potuto far altro che dare incarico alla sezione ambiente di adempiere e quindi di adoperarsi per fare il passaggio. Anche perché l'attuale gestore ha il contratto scaduto e gestiva il servizio pubblico in regime di proroga. Quindi una volta terminate le questione tecniche faremo il passaggio a breve".

"Era questo un vanto della mia amministrazione - ci dice l'ex Sindaco Mario Cacciotti - e mi ero sempre rifiutato di dare al pubblico la gestione dell'acqua, memore di quanto sta accadendo nella vicina Frosinone dove tutti i cittadini dei comuni della Provincia si son visti arrivare bollette da capogiro e sarà quello che accadrà, putroppo anche a Colleferro. Adesso saranno contenti i vari Girolami e Sofi che si auguravano il passaggio della gestione dell'acqua all'Acea. Il Commissario li ha anticipati".

C'e un velo di amarezza in quello che dice Cacciotti, ma la legge è legge e il commissario non può che adempiere ai suoi dettami e quindi si sta muovendo per il passaggio della gestione dell'acqua pubblica colleferrina all'Acea Ato 2.

Le conseguenze di questo passaggio sicuramente le vedranno e subiranno i cittadini colleferrini, che poi non potranno più "litigare" con gli amministratori locali ma con la mastodontica macchina amministrativa dell'ACEA ogni qual volta ci sarà un problema ed a Colleferro i problemi con l'acqua e la rete idrica certamente non sono mancati e non mancheranno per i futuri amministratori. Una voce, inoltre, che sparisce dal bilancio Comunale e sulla quale qualche margine di movimentazione c'era".

Giancarlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colleferro, entro aprile la gestione dell'acqua pubblica passerà all'ACEA. In arrivo bollette pesantissime

FrosinoneToday è in caricamento