rotate-mobile
Roma

Colleferro, Genitori e docenti collaborano boicottando la Prova INVALSI

Come consuetudine il test INVALSI (o Prova Nazionale) si ripete ogni anno ed anche quest’anno c'è stata la prova decretata dall’Istituto Nazionale per la valutazione degli alunni. La prova in questione è un test scritto che ha lo scopo di valutare...

Come consuetudine il test INVALSI (o Prova Nazionale) si ripete ogni anno ed anche quest'anno c'è stata la prova decretata dall'Istituto Nazionale per la valutazione degli alunni. La prova in questione è un test scritto che ha lo scopo di valutare il livello di apprendimento degli studenti. Una sorta di verifica 'periodica' sulle conoscenze e sulle abilità degli studenti oltre che sulla qualità dell'offerta formativa che le istituzioni offrono ai ragazzi, un'istruzione e formazione professionale dunque anche nel contesto dell'apprendimento permanente, il quale studia le cause dell'insuccesso e della dispersione scolastica in riferimento al contesto sociale oltre alle tipologie del tipo di informazione offerta agli studenti. I contenuti dei test sono realizzati dall'Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema dell'Istituzione (INVALSI) introdotto con la legge n. 176 del 25 ottobre 2007 ed il suddetto test era suddiviso in due parti fino all'anno scolastico 2012/2013 ripetendosi con cadenza annuale per ottenere verifiche in grado di portare ai risultati sopracitati. La reale efficacia del test nel tempo è stata sottoposta a diverse critiche e, a tal proposito, molti maestri e maestre, professori e professoresse sono risultati e risultano tutt'ora contrari a queste prove valutative nei riguardi degli alunni. A riguardo sono avvenute azioni di rivolta all'interno dell'apparato scolastico in particolar modo in quello di Colleferro. Il punto sul quale bisogna focalizzare l'attenzione è la partecipazione al boicottaggio delle Prove Invalsi da parte dei 'genitori degli alunni' di alcune scuole colleferrine svoltesi in data 6 e 7 Maggio 2015 per la Scuola Primaria e dunque la 'collaborazione' generatesi tra docenti-genitori durante la prova sostenuta dai ragazzi. Secondo un comunicato stampa le prove della Primaria erano previste per il 5 Maggio ma, considerata l'intenzione dello sciopero il Governo ha deciso di posticiparle in data 6 e 7 Maggio (proroga discussa e non condivisa dai sindacati), mentre in data 12 Maggio 2015 per la Scuola Secondaria di Secondo Grado, ( gli istituti di istruzione superiore Guglielmo Marconi, Cannizzaro ed I.PI.A. sulla strada Palianese di Colleferro). Comunicato stampa: http://www.invalsi.it/invalsi/doc_evidenza/var_data_prove_INVALSI_2015.pdf . Secondo quanto ripotato da alcuni insegnanti interessati e coinolti nelle scuole la media della presenza alle prove nella scuola Primaria è stata di 14 alunni su 100 in una scuola, mentre nelle altre si sono svolte regolarmente anche se la presenza minima degli alunni è comunque risultata più bassa rispetto alla media prevista. Per quanto riguarda la Scuola Secondaria essa si è totalmente astenuta dal sostenere la prova scolastica. Scuole e famiglie del distretto si sono attivate precedentemente con flashmob ma senza ottenere risultati. Le ultime prove da sostenersi per gli studenti saranno quelle del 19 Giugno 2015 per la Scuola Secondaria di I Grado (le scuole medie), nella speranza di non ottenere gli stessi esiti che sono spettati alle precedenti scuole, le elementari.

Clarissa Guerrieri

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colleferro, Genitori e docenti collaborano boicottando la Prova INVALSI

FrosinoneToday è in caricamento