menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colleferro, il Centro Ricerca scrive al Sindaco di Paliano per sollecitare progetti sul Monumento Naturale della Selva

Il Centro Ricerca di Colleferro, attraverso il presidente Valentino Sozzi, lancia un’idea progetto per il Monumento Naturale La Selva-Mola Piscoli e scrive una lettera al Sindaco di Paliano  Domenico Alfieri, che non tiene presente il fatto che...

Il Centro Ricerca di Colleferro, attraverso il presidente Valentino Sozzi, lancia un'idea progetto per il Monumento Naturale La Selva-Mola Piscoli e scrive una lettera al Sindaco di Paliano Domenico Alfieri, che non tiene presente il fatto che una fondazione è già stata creata

dallo stesso Don Antonello Ruffo di Calabria ed è proprietaria di un appartamento all'interno del palazzo. Soprattutto non tiene conto che dalla Regione Lazio è stato approvato un business plan che deve essere solamente attuato.

Di seguito la lettera:

Preg.mo Sindaco,

la nostra Associazione sta approfondendo da tempo la situazione del Parco "Monumento Naturale" della Selva di Paliano. In tale azione ha coinvolto forti esperienze e competenze nei campi interessati alla problematica.

Con la presente, anche a seguito degli incontri intercorsi, intendiamo sottoporre all'attenzione dell'Amministrazione Comunale di Paliano le nostre considerazioni, nella concreta speranza di giungere ad un vero e proprio Protocollo, con tutti i soggetti interessati, teso al rilancio definitivo e la piena valorizzazione del Parco.

La Missione del P.N. La Selva di Paliano, a nostro avviso, non può prescindere, in una ottica di sviluppo a 360°, anche da:

? Valorizzare le risorse naturali, paesaggistiche e culturali con particolare riferimento al- l'Economia Verde, alle nuove tecnologie Hi-tec, alla Bio-Edificabilità, alla promozione delle "eccellenze" presenti sul territorio circostante;

? Creazione potenziale sede di una specifica "Fondazione" che raccolga e faccia operare sinergicamente le Imprese (con particolare riferimento alle Eccellenze) - Amministrazioni ed Istituzioni Pubbliche - Istituti di Credito - Sistema Scolastico e Società civile"con l'obiettivo di creare le condizioni per attivare un nuovo sviluppo ed occupazione nel nostro territorio ..

Da una prima analisi dello stato attuale del Parco Naturale LA SELVA, riteniamo che gli interventi indispensabili per il suo rilancio sono i seguenti:

1. Istituire un centro Gestione e Marketing con Competenze di alto livello con il compito primario di creare un Brand e pianificare a breve, medio e lungo termine le azioni di marketing necessarie e più adatte al suo rilancio e per una gestione imprenditoriale vincente e di lungo periodo;

2. Progetto per la cura e manutenzione delle aree esterne che portano al Parco Naturale, mettendo al primo posto una intelligente bonifica della discarica di Colle Fagiolara, con creazione di un bosco con piante ad alto fusto sui due lati della Strada Palianese. Questepiante dovranno avere le caratteristiche peculiari dei boschi a noi più vicini, dell'Italia Centrale, ovvero dei nostri preappennini e Monti Lepini;

3. Restyiling del Parco Naturale con particolare attenzione alla creazione di spazi e strutture atte alla didattica e formazione e la diffusione di una cultura di tutela e valorizzazione delle risorse naturali, paesaggistiche e di salvaguardia dell'ecosistema del nostro territorio, con particolare riferimento alla economia agro-alimentare e per la sua organizzazione e rilancio nel nuovo Mercato Globale;

4. Mettere al centro la cultura propria del nostro territorio, con la creazione di un "Museodella Memoria", con fattoria con animali autoctoni, orti a vocazione locale, tesi a dare piena rappresentazione della nostra storia contadina, fino ad illustrare le nuove opportunità che oggi offrono le tante risorse dei nostri territori, senza dimenticare la indifferibile esigenza di promuovere una nuova agricoltura che faccia proprie le conoscenze dellaGreen Economy e dell'Hi-tech e dell'Ict;

5. Creazione di centri di accoglienza per ragazzi e giovani .. con idonei e funzionali spazi di soggiorno, in cui riscoprire i valori della vita all'aperto nella natura e organizzare percorsi turistici per godere delle bellezze paesaggistiche, artistiche, dei sapori e odori delle nostre campagne;

6. Creazione di un "Centro delle Eccellenze" in cui rendere visibile e fruibile il meglio del nostro territorio, dalle nostre prelibatezze agro-alimentari comprese le tante realtà tecniche e tecnologiche. Il Centro Esposizione delle Eccellenze dovrà avere spazi idonei a Manifestazioni Espositive, Fieristiche e didattiche oltre che dare la possibilità di acquistare e degustare quanto esposto. Il Centro Espositivo dovrà, inoltre, porre particolare attenzione alle Innovazioni Tecnologiche e alla nuova domanda di mangiare sano e salutare, alla trasparenza e tracciabilità della nostra filiera alimentare, nonché dare risposte adeguate alla nuova richiesta di tutela e valorizzazione del nostro ambiente paesaggistico e dell'ecosistema naturale dei nostri territori.

7. In prossimità del Centro Esposizione delle Eccellenze, riteniamo non solo utile, ma indispensabile, creare un "Polo della Creatività Artigianale", per formare i giovani ai "vecchi e nuovi mestieri"e per tramandare loro il notevole patrimonio del fare presente sul territorio e a forte rischio di estinzione;

8. Il Parco Naturale La Selva di Paliano, dovrà inoltre mettere allo studio un Progetto di "Campus della Conoscenza", per ospitare le Scuole Medie Superiori, Master Universitari finalizzati, ecc. con l'obiettivo di :

? fare economia nella gestione della formazione scolastica.

? migliorare il livello qualitativo della formazione utilizzando sinergie tra gli accademici dei diversi orientamenti scolastici.

? creare le condizioni per facilitare l'inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e nel fare

In considerazione di quanto esposto, la Libera Associazione di Imprese e Professionisti "Centro Studi Ricerche", a partire dalla sua area di Imprese Eccellenti. Propone all'Amministrazione Comunale di Paliano:una forte azione di collaborazione e sinergia, intervenendo anche con proprie risorse finanziarie e professionali, per il buon esito del presente Progetto di rilancio e riqualifica-

zione del Parco Naturale di Paliano;la necessità di promuovere un "tavolo di riflessione, concertazione e progettazione" aperto a tutte le realtà del territorio, istituzionali, imprenditoriali, economiche, professionali, della filiera della formazione, rappresentative della società civile, che siano concretamente interessate ad un profondo e reale rilancio del Monumento Naturale della Selva di Paliano.

Certi di positivo e tempestivo riscontro della presente, con l'occasione porgiamo i nostri più Cordiali

Il Presidente- dott. Valentino Sozzi

Caro presidente, le Vostre sono belle idee. Però irrealizzabili. Evidentemente il Vostro Centro Ricerche, non ha capito che il Monumento Naturale della Selva/Mola Piscoli ha un businnes plan approvato e solamente quello previsto in questo piano si può realizzare.

Un piano, noi andiamo a memoria, che se attuato e secondo quando ci ha riferito l'assessore Regionale Fabio Refrigeri a Gennaio dovrebbero uscire i primi bandi per la gestione e realizzazione, potrebbero creare occupazione per non meno di mille persone.

Però, la burocrazia regionale, le scarse idee del Comune di Paliano, la giustizia ancora impelagata nella vendite e chi ne ha più ne metta di fatto bloccano tutto.

Noi crediamo che l'Amministrazione Comunale, dovrebbe fare da traino e sollecitare a più non posso sia la Giustizia che la Regione Lazio affinché si dia attuazione ai piani per far ripartire il tutto e soprattutto l'economia, considerato che c'è troppa gente che non ha futuro.

G. Flavi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento