Colleferro, il decoro urbano non può essere affidato solo alla cura di qualche associazione, ci vuole più partecipazione dei cittadini

Quando il senso di appartenenza supera le barriere del qualunquismo il decoro urbano diventa un problema di tutti. Questo è lo spirito che ha contraddistinto le iniziative promosse dalle associazioni locali del territorio.

Pierluigi-Sanna-537x350

Quando il senso di appartenenza supera le barriere del qualunquismo il decoro urbano diventa un problema di tutti. Questo è lo spirito che ha contraddistinto le iniziative promosse dalle associazioni locali del territorio.

L'estate coincide con un periodo di necessità maggiore riguardo la cura del verde e dei giardini, complice la bella stagione. Le situazioni di degrado urbano si moltiplicano anche per l’inciviltà di molti concittadini ma in soccorso sono arrivate due iniziative di associazioni e comitati di quartiere che meritano di essere portate all’attenzione dell’opinione pubblica.

Il primo si riferisce all’intervento di pulizia e di manutenzione del giardino della nostra città intitolato a Placido Rizzotto sito in via Giotto effettuato dall’Associazione ANPI “la Staffetta Partigiana”, il Presidio LIBERA Angelo Vassallo, lo SPI CGIL Lega Valle del Sacco e il Coordinamento dei Comitati di Quartiere.

L’altra lodevole iniziativa è stata svolta dai ragazzi dell’Unione Giovani Indipendenti (UGI). Il loro intervento,che ha previsto la pulizia del Parco Fluviale, sarà seguito dall’evento del 29 luglio patrocinato dal Comune di Colleferro e inserito nella programmazione “Colleferro Estate 2016”.

Come sempre affermato – esordisce il Sindaco Sanna–gli spazi pubblici sono

di proprietà dei cittadini e devono essere tenuti in condizioni ottimali, per tutelare il decoro urbano e garantirne l’utilizzo.

Inoltre, queste due iniziative, hanno una doppia valenza di carattere simbolico e culturale: Placido Rizzotto,sindacalista ucciso dalla Mafia e il fiume Sacco passato alle cronache per il suo livello di inquinamento.

Per migliorare insieme la nostra città – spiega il sindaco Sanna- invito tutte le forze sociali a moltiplicare queste iniziative.

Ringrazio nuovamente l’UGI, l’Associazione ANPI la Staffetta Partigiana, il Presidio LIBERA Angelo Vassallo, lo SPI CGIL Lega Valle del Sacco e il Coordinamento dei Comitati di Quartiere per aver promosso queste iniziative che consentono la riappropriazione degli spazi pubblici degradati da parte dei cittadini – Conclude il Sindaco Sanna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Sindaco Pierluigi Sanna

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento