menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colleferro, Stanzani e Sanna i due candidati alle primarie. No agli ex della maggioranza

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:Come stabilito dal regolamento, sabato 7 febbraio sono state presentate le candidature alle primarie che si svolgeranno il 1 marzo presso l’ex Cinema Ludus (Santa Barbara) in Via L.da Vinci, per scegliere il candidato a...

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:Come stabilito dal regolamento, sabato 7 febbraio sono state presentate le candidature alle primarie che si svolgeranno il 1 marzo presso l'ex Cinema Ludus (Santa Barbara) in Via L.da Vinci, per scegliere il candidato a sindaco del centro-sinistra.

Diana Stanzani (Partito Democratico) e Pierluigi Sanna (Ripartiamo per Colleferro) sono i due candidati. Le primarie, dichiarano i candidati - saranno un momento di democrazia partecipata importante e di confronto leale fra le varie anime del centro-sinistra. Saranno strumento di apertura e di proposta, di confronto su idee e progetti nuovi per Colleferro.

I candidati hanno sottoscritto un documento politico in cui si impegnano a rispettare i soggetti del tavolo, quindi il perimetro stesso della coalizione che però apre a movimenti ed associazioni che condividono principi ed obiettivi e che hanno maturato una esperienza e una sensibilità vicina al centro-sinistra. Sono fuori dalla coalizione soggetti politici o istituzionali che hanno partecipato alle amministrazioni di centro-destra.

Le primarie daranno inizio ad un percorso di rinnovamento politico fondamentale e necessario che culminerà poi a maggio con le elezioni amministrative. L'attenzione rimane alta sui problemi di Colleferro e l'unica cosa che interessa alla coalizione è costruire un percorso diverso che cambi le sorti della città.

Carta dei valori

Dopo vent'anni ininterrotti di governo della città di Colleferro, il centrodestra locale è franato a causa delle sue stesse contraddizioni. La mancanza di una visione politica complessiva e di una dialettica interna virtuosa tra le diverse e disgregate forze politiche della maggioranza di centro-destra, ha fatto emergere in maniera evidente come le decisioni amministrative fossero sempre frutto di mediazioni rispondenti ad esigenze di tipo personale più che di interesse generale della città. A causa della mancanza di una guida autorevole, Colleferro nel corso degli anni ha perso progressivamente la sua centralità rispetto al territorio e la sua autorevolezza nei rapporti con gli enti superiori, tanto che la nostra città è stata costretta a subire una serie di scelte senza opporre resistenza e senza aprire né un tavolo di trattativa né di contrattazione strategica insieme ai comuni limitrofi. Non solo, l'assenza di una politica industriale locale ha esposto Colleferro allo sfruttamento del territorio e delle risorse umane da parte di multinazionali che a fine profitto sono andate via lasciando centinaia e centinaia di lavoratori senza occupazione determinando delle vere e proprie emergenze nel tessuto sociale e uno scollamento sempre più evidente nella popolazione. L'assenza totale di una solidarietà ammnistrativa ha infine mutato il volto della città, sempre più sola e sempre più in balia delle difficoltà. Per questo il 2015 può e deve essere l'anno in cui Colleferro cambia la direzione del suo destino. Le elezioni amministrative di maggio sono dirimenti per il futuro della nostra città. Ma per cambiare una città è soprattutto necessario cambiare la cultura che la governa, per questo noi ci poniamo come reale e unica alternativa. Noi, forze politiche e civiche, democratiche e progressiste di Colleferro, che ci riconosciamo nella Costituzione repubblicana e in un progetto di società fondata sui valori di libertà, uguaglianza, giustizia, antifascismo, progresso, solidarietà e pari opportunità, vogliamo dare alla città una vita nuova. Per questo è necessario assumere una identità di coalizione fondata sulla condivisione di quei valori che devono essere per noi i principi ispiratori e le linee guida per l'azione politica e programmatica. Perché l'azione politica sia innovativa e di concreto cambiamento, la natura della colazione deve avere una propria definizione, con elementi di alto profilo e di provenienza affine alla nostra. Con una alleanza leale e definita nei suoi soggetti, tutti riconducibili all'interno del centro-sinistra, per storia personale e percorsi pregressi, ci impegniamo a candidarci alla guida della nostra città. Anche se l'amministrazione di centro-destra ha terminato la sua legislatura in anticipo perché alcuni esponenti della maggioranza hanno con l'opposizione sottoscritto le dimissioni, questo fatto non alleggerisce le responsabilità politiche di chi nel corso degli anni ha rivestito ruoli istituzionali e politici di primo piano nelle amministrazioni di centro-destra, occupandosi attivamente della cosa pubblica e quindi condividendo a pieno le linee di quel percorso politico. Non possono quindi trovare una nuova casa nella nostra coalizione. Importante inoltre per dimostrare la serietà della nostra proposta mantenere un profilo fortemente identificabile, senza compromessi al ribasso che oltre a non avere alcuna motivazione politica, verrebbero bocciate dai cittadini di Colleferro che si aspettano da noi un'alternativa vera. Essere coalizione di centro-sinistra che si propone alla città con un progetto moderno di cambiamento è l'unico modo per poter chiedere un'apertura di credito anche a quella parte di elettorato che non ci ha mai scelto. E' l'espansione nell'elettorato tradizionalmente di destra sulla base della nostra proposta politica e programmatica ciò che può e farà la differenza, no l'allargamento di una colazione a soggetti di destra. Il nostro deve rimanere il tavolo del centro-sinistra aperto a movimenti vicini a questa sensibilità e non "una tavolata". L'alto profilo che desideriamo imprimere a questo percorso, fonda la sua legittimità e riceve dai cittadini l'investitura democratica, proprio attraverso lo svolgimento delle primarie, che restituiscono così agli stessi, il ruolo attivo di soggetti coinvolti direttamente nell'esercizio del potere elettivo. Il candidato scelto dalla volontà popolare riceverà così sostegno leale e partecipa alla coalizione. Questa alleanza che stringiamo tra noi, deve essere portata avanti fino in fondo, fino alle elezioni di maggio, indipendentemente dall'esito delle primarie.

Nota congiunta di Pd, Ripartiamo Per Colleferro e Sel

Colleferro 9 febbraio 2015

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento