Ferentino, il consiglio comunale approva il bilancio di previsione 2016. 13 voti a favore, 3 i contrari

Un documento di bilancio che certifica lo stato di buona salute della casse cittadine, per cui il Comune di Ferentino non ha bisogno di aumentare la pressione fiscale, anzi si può permettere, attraverso una precisa scelta politica di attenzione...

Federlazio Avv. Pompeo

Un documento di bilancio che certifica lo stato di buona salute della casse cittadine, per cui il Comune di Ferentino non ha bisogno di aumentare la pressione fiscale, anzi si può permettere, attraverso una precisa scelta politica di attenzione alle fasce deboli, addirittura di diminuire alcune aliquote. Nello stesso tempo, un bilancio che ci permette di guardare con serenità al futuro, programmando nuove opere, ulteriori servizi e garantendo una efficace gestione dell’ordinario, a partire dalla manutenzione delle strade, delle scuole, delle prestazioni sociali e dell’offerta culturale. Un bilancio che si inserisce a metà del mandato di questa amministrazione, mettendone in evidenza la capacità di sapere coniugare rigore nell’utilizzo delle risorse e lungimiranza nel costruire una città che guarda con ottimismo e fiducia al futuro.

Così il sindaco di Ferentino, Antonio Pompeo ha commentato l’approvazione del bilancio previsionale 2016, al termine della seduta del Consiglio comunale.

“Ci sono degli indicatori precisi che evidenziano la solidità del bilancio: il rispetto del Patto di Stabilità, che avviene dal 2008; l’approvazione del DUP, in anticipo rispetto alla maggior parte degli Enti locali, nonostante i minori trasferimenti statali, regionali e le nuove norme contabili”.

Entrando nello specifico dei provvedimenti previsti, emerge l’invarianza delle aliquote tributarie locali, alcune delle quali diminuite. E’ il caso dell’Irpef, esentata, attraverso un Regolamento, per i redditi inferiori a 10mila euro; la riduzione della Tosap pari al 50% e rivolta alle attività temporanee per sostenere il commercio, in particolare i bar, per cui sarà più conveniente disporre tavoli e sedie all’esterno dei locali; i banchi del mercato settimanale, ma anche i negozi per l’esposizione della merce. La misura, inoltre, interesserà anche i ponteggi esterni per le attività legate all’edilizia. A queste misure, va aggiunta l’esenzione Tasi per la prima casa e tutta una serie di interventi migliorativi sulla fiscalità IMU. In tema di commercio, sono previste forme d’incentivi per aprire nuove attività, che saranno oggetto di uno specifico regolamento. Un ulteriore regolamento disciplinerà la concessione di contributi per le bonifiche ambientali, in particolare dell’amianto. Inoltre, va aggiunto l’approvazione di un provvedimento per la rateizzazione dei debiti tributari.

“E se i conti sono in ordine – ha spiegato il sindaco Pompeo - è possibile anche programmare interventi e sviluppo. E’ quello del 2016 il bilancio che segna l’avvio di un servizio fondamentale per la nostra città come la raccolta differenziata porta a porta. E’ questo il bilancio che rinnova la costante attenzione alla manutenzione ordinaria e straordinaria del territorio e alla realizzazione di nuove opere. In ogni zona del paese è aperto o in via di apertura un nuovo cantiere: realizziamo rotatorie per meglio disciplinare il traffico, riqualifichiamo aree della nostra città, miglioriamo i parcheggi. E poi ci sono le scuole: su tutti i plessi gli interventi sono continui e costanti. La manutenzione e la riqualificazione sono anche strumento di valorizzazione per il nostro patrimonio storico e artistico. Anche questo è scritto nel bilancio, così come avere voluto garantire l’accesso di un’ampia platea alle prestazioni del servizio sociale. Crediamo in un sistema di welfare reale, soprattutto in un momento storico come questo”.

“Il bilancio di una città sempre più protagonista a livello intercomunale e provinciale – ha aggiunto l’assessore Franco Martini - Una città dinamica, che cresce anche attraverso l’azione di un’amministrazione che è capace di utilizzare al meglio le risorse pubbliche, di non aumentare le tasse, di realizzare o completare opere pubbliche, di ottenere servizi sanitari nuovi come la Casa della Salute. Siamo l’Amministrazione capace di avere la riqualificazione della stazione ferroviaria, o che riottiene l’Ufficio del Giudice di Pace. Insomma, siamo un’amministrazione dei fatti e un’amministrazione coesa e compatta, come dimostra l’esito della votazione: 13 voti a favore contro 3 contrari. Questo è scritto nel bilancio, al di là di qualsiasi interpretazione. Un modello di governo che ci pone tra le prime città della provincia e non solo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le scarpe della Lidl vanno a ruba anche a Frosinone: sold out in pochi minuti

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Paliano, è morto l’imprenditore Umberto Schina

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Tentato omicidio in viale Mazzini, ecco cosa c'è dietro la tragedia di ieri notte

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento