Venerdì, 15 Ottobre 2021
Roma

Fonte Nuova - Mentana, Valerio Grasselli e Dalila Sciarra alla terza prova di Coppa del Mondo di pentathlon a Roma

Dall’8 al 13 aprile, il cuore olimpico di Roma è stato teatro della terza prova di Coppa del Mondo di pentathlon moderno.

Dall'8 al 13 aprile, il cuore olimpico di Roma è stato teatro della terza prova di Coppa del Mondo di pentathlon moderno.

Alla prova, organizzata dalla Federazione Italiana Pentathlon Moderno, hanno partecipato 201 atleti in rappresentanza di 34 nazioni, tra i quali 25 azzurri. Tra i 25 azzurri c'erano anche Valerio Grasselli, di Fonte Nuova e Dalila Sciarra, di Mentana, due pentatleti formatesi presso il centro Ippocampo Sport Life di Mentana. Dopo la partecipazione alla gara di livello internazionale hanno raccontato le loro sensazioni e i sogni per il futuro.

CHI SONO:

Dalila Sciarra ha iniziato a praticare nuoto dall'età di tre anni. All'età di 13 anni, dopo diversi anni di agonismo, ha iniziato a praticare Pentathlon presso il centro sportivo Ippocampo Sport Life, a Mentana. Continuando a coltivare il suo talento per il nuoto, ha lavorato molto sulla corsa e ha scoperto di avere una particolare predisposizione per la scherma.

Cresciuta a Mentana, Dalila compirà 18 anni a Maggio. Iscritta al quarto anno del liceo scientifico a indirizzo bilingue, ora si allena presso il CONI Montelibretti e mantiene un ottimo equilibrio tra lo studio e lo sport: "Sono seconda nella mia categoria in Italia senza togliere tempo allo studio, dato che il prossimo anno mi spetta la maturità".

Valerio Grasselli, dopo anni di nuoto a livello agonistico, ha iniziato a praticare Pentathlon all'età di 15 anni, presso il centro Ippocampo Sport Life di Mentana. "Ho iniziato quasi per gioco, poi pian piano, sono arrivati degli ottimi risultati" spiega. Valerio ha conquistato diverse volte il podio nei Campionati Italiani, in categoria Allievi e poi Junior. Al terzo anno in Categoria Junior ha guadagnato un secondo posto alla staffetta mista in occasione dei Campionati Europei di Minsk e ha partecipato ai Mondiali in Polonia. Queste per citare solo alcune tra le molte vittorie e partecipazioni dell'atleta di Fonte Nuova che a Maggio compirà 22 anni e che da Gennaio si allena con la Nazionale di Pentathlon a Roma.

Come avete vissuto la partecipazione a questa gara di livello internazionale?

V: È la prima volta che gareggio in casa in una Coppa del Mondo. La gara poteva andare meglio, ho fatto degli errori durante la prova di scherma.

D: Per me era la prima volta in questo tipo di competizione. Il livello è molto alto, credo di essere andata bene nella corsa, durante la prova di scherma potevo osare di più, ma ero un po' impaurita. Mi sono divertita molto, non nutrivo grandi aspettative. La struttura e la vicinanza degli amici e dei tecnici ci hanno aiutato molto.

Come vi siete preparati per questa prova di Coppa del Mondo?

V: Fisicamente hanno pensato gli allenatori, con la loro esperienza, a prepararci al meglio. Emotivamente ho cercato di non pensare troppo al giorno dell'arrivo della gara, isolandomi e concentrandomi, altrimenti la tensione mi avrebbe portato via troppe energie.

D: Non avevo grandi aspettative, ho pensato solo a mettere in mostra quello che so fare e a mantenere la calma. Prima delle gare cerco sicurezza negli allenatori che sono per me come dei secondi genitori. Quali sono stati i punti deboli da migliorare? Che cosa avete imparato da questa competizione? V: Essendomi confrontato con atleti di livello molto alto, ho capito che devo impegnarmi molto di più sulla preparazione emotiva e mentale. Ho imparato molto, per quanto riguarda la scherma, osservando gli atleti con più esperienza di me al momento di entrare in pedana: sono "cattivi" e molto decisi prima degli assalti.

D: Ho capito che le gare di questo livello sono molto faticose dal punto di vista fisico, oltre che mentale. Affrontare una qualificazione e poi una finale in pochi giorni è uno sforzo fisico veramente duro. Per il futuro cercherò di lavorare per avere una maggiore resistenza fisica.

Quali sono i prossimi obiettivi?

V: Tra un mese ci sarà il Campionato Italiano Assoluto, dove cercherò di mettermi in mostra come lo scorso anno, quando ho guadagnato un terzo posto. Spero così di far vedere quello che so fare in vista degli Europei e dei Mondiali. E' il primo anno per me nella Categoria Senior e quindi sarà più difficile.

D: Mi sto preparando per il Campionato Italiano, per gli Europei della mia categoria a luglio, e per il Mondiale a fine settembre. E' l'ultimo anno per me in questa categoria, quindi sto cercando di dare il massimo. Qual è il vostro sogno più grande?

V: Le Olimpiadi di Rio del 2016, ma ci vorrebbe un miracolo! (sorride). Spero che quelle del 2020 siano le mie e di potervi partecipare.

D: Io sono ancora un po' piccola per pensare alle Olimpiadi. Per ora l'obiettivo più importante da raggiungere è salire sul podio di Europei e Mondiali. Mi sto allenando per ottenere sempre più stabilità fisica e mentale, sia durante le gare sia negli allenamenti e così guadagnare più fiducia in me stessa.

A chi vanno i vostri ringraziamenti?

V: Ringrazio i primi allenatori e la società dell'Ippocampo che mi hanno portato a un livello nazionale e internazionale. Un ringraziamento va anche al CT della Nazionale che mi ha permesso di entrare nel Gruppo Olimpico. Il mio ringraziamento più grande va all'Esercito che mi ha dato la possibilità di continuare a investire in questo sport e anche un grande supporto morale.

D: I miei ringraziamenti vanno agli allenatori dell'Ippocampo, a Tullio De Santis, ad Andrea Valentini, responsabile della Nazionale Giovanile. Ora mi alleno al CONI Montelibretti, dove ogni giorno gli allenatori mi spronano sempre di più perché ho un carattere un po' difficile. Il ringraziamento più grande va ai miei genitori che per permettermi di fare questo sport hanno fatto e fanno molti sacrifici e anche alla squadra, perché il supporto del gruppo vale molto e aiuta a superare anche i momenti più difficili.

di Marta Rossi

(Foto di Valerio Grasselli da FIPM e UIPM)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fonte Nuova - Mentana, Valerio Grasselli e Dalila Sciarra alla terza prova di Coppa del Mondo di pentathlon a Roma

FrosinoneToday è in caricamento