Frascati, gli studenti della scuola Secondaria E. Fermi si aggiudicano il premio del concorso di Officina Robotica

Si è conclusa con successo la prima edizione di Officina Robotica, l’innovativo progetto didattico promosso da Vivigas per avvicinare gli alunni degli istituti primari e secondari ai temi della tecnologia e dell’automazione, con l’obiettivo di...

P1040890[1]

Si è conclusa con successo la prima edizione di Officina Robotica, l’innovativo progetto didattico promosso da Vivigas per avvicinare gli alunni degli istituti primari e secondari ai temi della tecnologia e dell’automazione, con l’obiettivo di aiutarli a comprenderne le potenzialità e stimolarli a sviluppare applicazioni innovative per il mondo dell’energia e dell’ambiente. Tutte le classi aderenti al progetto hanno avuto la possibilità di partecipare al concorso finale che ha premiato i progetti che meglio hanno valorizzato il legame tra energia e meccanica. Sono gli studenti delle classi seconda D e seconda I della scuola Secondaria E.Fermi di Frascati ad essersi aggiudicati il primo premio di 500 euro da utilizzare per l’acquisto di materiale scolastico più 5 kit di robotica Arduino. I giovani studenti hanno messo a frutto quanto imparato nei laboratori creando un circuito elettrico che permette di accendere un led in base alla luminosità esterna circostante, sottolineando l’importanza del risparmio energetico: il led, infatti, si accende solamente in determinate condizioni ed un circuito emette un suono con frequenza variabile al variare dell’intensità luminosa. Il progetto Officina Robotica aveva l’obiettivo di trasferire agli studenti conoscenze pratiche e teoriche sulle tecnologie dell’artigianato digitale, dando loro la possibilità di utilizzare robot e sistemi informatici precostituiti, per risolvere piccole e grandi problematiche relative all’energia – intesa sia come grandezza fisica, sia come elemento chiave per le tematiche della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente. Attraverso la partecipazione attiva ai laboratori in classe, con programmi specifici per le diverse fasce d’età, i maker “in erba” hanno potuto sperimentare e apprendere tecniche di costruzione di macchine interattive e automatiche, principi e applicazioni di Arduino, attività di programmazione e creazione. Andrea Bolla, Amministratore Delegato di VIVIgas, commenta: ”Questo nuovo progetto didattico rappresenta pienamente l’impegno dell’azienda nel promuovere la cultura dell’innovazione sui temi dell’energia e dell’ambiente sin dai banchi di scuola. Le tecnologie digitali possono contribuire in maniera significativa ad affrontare le sfide ambientali della nostra epoca: è essenziale quindi conoscerle e imparare ad applicarle, a dimostrazione del fatto che la tecnologia può lavorare al servizio dell'energia per il pianeta e per i suoi abitanti. Gli studenti coinvolti si sono dimostrati entusiasti e interessati, questo ci spinge a continuare su questa strada, cercando di ampliare sempre più l’offerta dei nostri progetti didattici”. Il progetto è stato patrocinato da: Provincia di Verona e Comune di Verona, Provincia di Monza-Brianza, Provincia di Varese, Provincia di Como, Provincia di Bresci e dall’Università degli Studi di Padova. Media partner dell’iniziativa è stato Nova, Gruppo Sole 24 Ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento