Frosinone, paziente pericoloso inviato dalla struttura protetta della REMs e lasciato per giorni senza adeguata vigilanza in corsia all’Ospedale

La UIL FPL è sempre vicina ai lavoratori e non può davvero tollerare che ne sia messa a rischio l’incolumità. L’ultimo gravissimo fatto è accaduto presso l’SPDC, il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell’Ospedale “F. Spaziani” di Frosinone

Ospedale fr-

La UIL FPL è sempre vicina ai lavoratori e non può davvero tollerare che ne sia messa a rischio l’incolumità. L’ultimo gravissimo fatto è accaduto presso l’SPDC, il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell’Ospedale “F. Spaziani” di Frosinone dove, in questi giorni, è stato ricoverato nel reparto un paziente di circa 42 anni, proveniente dalla REMS di Ceccano, nel quale risulta ristretto per gravi reati di natura penale. Il fatto davvero sconcertante è che questa persona, arrivata in Ospedale con un TSO, Trattamento Sanitario Obbligatorio, è stato trasferito da una Residenza per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza – appunto la REMS – in un reparto ospedaliero che non possiede alcuna caratteristica operativa per la gestione di pazienti detenuti che, invece, devono essere sempre sottoposti a misure di sicurezza giudiziaria, sancite e disciplinate dalla normativa penitenziaria. Prima dell’arrivo in Ospedale presso il REMS di ceccano c’è stata una colluttazione con altro paziente, – cosa estremamente grave – per ben due giorni questo paziente non è stato piantonato da operatori delle Forze dell’Ordine, ma solo dagli infermieri che non hanno minimamente tipologie di vigilanza penitenziaria da svolgere come mansioni, ma tutt’altro. Si tratta di un fatto increscioso, anche perché solo il terzo giorno sono arrivati degli idonei addetti alla sorveglianza che hanno sostituito nella vigilanza gli infermieri con tutto che, nelle disposizioni previste per tutto quanto orbita intorno alle REMS, è previsto che il personale sanitario ha un dovere di cura e non un obbligo di custodia nei confronti dei pazienti. La custodia, i servizi di sicurezza e la vigilanza perimetrale sono attivati sulla base di specifici accordi con le Prefetture, anche sulla scorta delle informazioni contenute nel fascicolo dell’internato. L’incongruità gravissima della cosa è più che evidente e la UIL FPL non può certo tacere sul fatto che sia stata messa a rischio l’incolumità non solo degli operatori infermieristici, ma anche quella dei pazienti – maschili e femminili – ospiti dell’SPDC dove non esistono né allarmi, né sbarre alle finestre e, è bene rammentarlo, è solo una struttura di ricovero e non di detenzione. La UIL FPL si chiede anche come ha fatto il Responsabile della U.O.C. dell’SPDC della ASL di Frosinone a consentire tutto questo, sapendo che per l’accertata pericolosità sociale del paziente proveniente dalla REMS, lo stesso deve essere custodito e vigilato da operatori giudiziari e non da infermieri. Va ribadito con fermezza inequivocabile che la UIL FPL è e sarà sempre pronta a lottare per la tutela degli operatori sanitari, vigilando e denunciando episodi inqualificabili e di estrema pericolosità a cui sono stati sottoposti in questi giorni lavoratori responsabili e non irresponsabili come i loro dirigenti.

UIL FPL

Il Segretario Territoriale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento