Giovedì, 28 Ottobre 2021
Roma

Frosinone, pensioni scuola quota 96 la senatrice Maria Spilabotte sottoscrive l’interrogazione al ministro

La Senatrice Maria Spilabotte ha sottoscritto l'interrogazione parlamentare della collega Laura Puppato rivolta al Ministro dell'Economia per richiedere che parte delle risorse “liberate” dal nuovo sistema di conteggio Sec2010 siano utilizzate per...

La Senatrice Maria Spilabotte ha sottoscritto l'interrogazione parlamentare della collega Laura Puppato rivolta al Ministro dell'Economia per richiedere che parte delle risorse "liberate" dal nuovo sistema di conteggio Sec2010 siano utilizzate per risolvere l'annoso problema dei "quota96". Spiega la Senatrice Spilabotte: "Ritengo che sia un dovere di tutti noi correggere un grave errore tecnico della cosiddetta riforma Fornero, che ha escluso dal diritto maturato di andare in pensione circa 4000 lavoratori del comparto scuola tra docenti e personale ATA nati nel 1951 e 1952, cosiddetti "quota96", nonostante nel dicembre 2012 ne avessero i requisiti, obbligandoli in tal modo ad una ulteriore permanenza in servizio per un periodo che va dai 2 ai 7 anni. Poichè il Governo su questa questione ha più volte assunto impegni per giungere ad una soluzione del problema e considerato che la correzione dell'errore tecnico comporta una spesa di 400 milioni di euro, distribuibili su più annualità, visto che il nuovo sistema di calcolo del PIL, detto Sec2010, realizzato in accordo dai diversi sistemi statistici europei, secondo il quale l'ISTAT sta rivedendo i conti italiani, provocherebbe un miglioramento del rapporto deficit/PIL di 0,2 punti percentuali, passando dall'attuale 3% al 2,8% liberando risorse (si stima da 1,5 a 3 miliardi) con l'interrogazione si chiede al Ministro se non ritenga di dover investire parte di queste nuove risorse liberate per correggere l'errore e garantire dei diritti a dei cittadini oggi gravemente danneggiati dallo Stato".

PIANO NAZIONALE ANTIVIOLENZA, LA SENATRICE MARIA SPILABOTTE SOTTOSCRIVE UNA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

La Senatrice Maria Spilabotte ha sottoscritto un'interrogazione della collega Josefa Idem indirizzata al Presidente del Consiglio in merito al Piano Nazionale Antiviolenza. Spiega Spilabotte: "Ad oggi risultano operativi in Italia numerosi Centri Antiviolenza che non sono in grado di fornire prestazioni e servizi adeguati. Fatto questo che ha portato numerosi e autorevoli realtà dell'associazionismo, tra cui Telefono rosa nazionale, l'UDI, nonché la stessa Rete Dire, a manifestare apertamente grandissima preoccupazione. Noi riteniamo sia fondamentale potenziare le forme di assistenza e di sostegno alle donne vittime di violenza e ai loro figli e poichè ad oggi non vi sono notizie in merito sul piano nazionale

Antiviolenza con l'interrogazione si chiede al Presidente se verranno attivati tavoli di concertazione per la definitiva attuazione dei piani, se sono previsti controlli e valutazioni in merito agli standard di qualità presso i centri esistenti e di nuova apertura e soprattutto quali saranno i criteri di assegnazione delle risorse e se ci saranno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frosinone, pensioni scuola quota 96 la senatrice Maria Spilabotte sottoscrive l’interrogazione al ministro

FrosinoneToday è in caricamento