Frosinone, progetto “art inclusion” Pompeo: “bellissima giornata di festa”

Frosinone, Una bellissima manifestazione, una festa in cui l’arte si è trasformata in strumento di integrazione, di educazione alla cittadinanza responsabile e in occasione per rendere omaggio alla squadra del Frosinone calcio fresca di promozione...

artinclusion3

Frosinone, Una bellissima manifestazione, una festa in cui l’arte si è trasformata in strumento di integrazione, di educazione alla cittadinanza responsabile e in occasione per rendere omaggio alla squadra del Frosinone calcio fresca di promozione in Serie A, in particolare dando l’opportunità ai ragazzi di acclamare e conoscere dal vivo i loro eroi”.

Lo dichiara il Presidente della Provincia Antonio Pompeo, intervenuto alla cerimonia conclusiva del Progetto Art Inclusion 2015 di Grey Est che si è svolto presso il Palazzo dell’Amministrazione provinciale di Frosinone.

“Molto belle le opere di Grey Est, impeccabile l’organizzazione di Nick D’Angelo – ha concluso il Presidente Pompeo - Un ringraziamento a loro e a tutta la rete istituzionale che ha permesso la realizzazione del progetto. Complimenti vivissimi alla società del Frosinone calcio che ha voluto partecipare all’evento, dimostrando di essere pienamente integrata nel tessuto sociale, civile e culturale della nostra comunità. Grazie, infine, a tutte le autorità presenti, in particolare a S.E. il Prefetto, dott.ssa Emilia Zarrilli”.

VERTENZA SAN RAFFAELE CASSINO, AMATA: “RINNOVO L’INVITO ALLA REGIONE E ALLA ASL PER EVITARE LICENZIAMENTI E MANCATA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE”

“Lo scorso 20 aprile, interessato dalla direzione della Casa di cura S. Raffaele di Cassino in qualità di delegato alle attività produttive, ho scritto al Direttore generale dell’Asl di Frosinone, e per conoscenza al Presidente Zingaretti, al Sub commissario per la sanità Giovanni Bissoni e ad Alessio D’Amato, della Cabina di regia SSR, per chiedere di valutare la possibilità di mettere in campo i necessari provvedimenti atti a scongiurare il rischio default di una struttura vitale per il sistema sanitario locale, sia in termini di prestazioni medico assistenziali che di garanzia di posti di lavoro”.

Lo dichiara il vicepresidente della Provincia di Frosinone Andrea Amata, che aggiunge: “purtroppo ad oggi tale appello sembra essere caduto nel vuoto, stante le notizie di licenziamenti, messa in mobilità per i lavoratori del gruppo sanitario a causa dei mancati trasferimenti da parte della Regione Lazio”.

“Una situazione incresciosa, se si pensa che la struttura vanta un credito di circa 50 milioni di euro proprio dall’Asl di Frosinone, attualmente bloccato da un provvedimento di recupero cautelativo che però non rispecchia quanto stabilito dalle sentenze delle procura generale presso la Corte dei Conti del Lazio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per cui – conclude il vicepresidente Amata - rinnovo l’appello ad intervenire, a sedersi attorno ad un tavolo tutti insieme e ad evitare quelle preoccupanti risultanze che emergono dai provvedimenti delle ultime ore, in maniera tale che siano salvaguardati i livelli occupazionale e l’imprescindibile diritto alla salute che la struttura del San Raffaele garantisce ai cittadini di questa provincia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il giudice di Pace di Frosinone annulla le multe emesse durante la quarantena

  • Violento scontro su Via Casilina tra bus e Fiat 500, muore Fabrizio Cibba (foto)

  • Coronavirus, ecco come si è arrivati ai cinque nuovi positivi, dopo il periodo 'Covid free'

  • La palpeggia e, dopo il "no", le spacca il setto nasale e va al bar: arrestato 44enne marocchino

  • Valmontone, la banca gli chiede 14 mila euro, lui si oppone e vince una causa con 18 mila euro di risarcimento

  • Troppa fretta di venire al mondo e Noemi nasce nel letto di mamma e papà

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento