menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Daniela Bianchi

Daniela Bianchi

Frosinone,  Provincia cercasi presidente capace e consapevole

Bianchi: a scegliere il candidato dovranno essere le forze di centro-sinistra, per raccogliere il cambiamento voluto dalla riforma Delrio

Bianchi: a scegliere il candidato dovranno essere le forze di centro-sinistra, per raccogliere il cambiamento voluto dalla riforma Delrio

Da settimane assistiamo alla battaglia per il presidente della Provincia di Frosinone, ma chi sarà chiamato a guidare l'ente di piazza Gramsci sa veramente quali saranno le sue funzioni? Quali cambiamenti ha introdotto la riforma Delrio e quali nuovi significati avrà l'essere presidente della Provincia o consigliere provinciale? Ho forti dubbi che tutti quelli coinvolti nelle mille discussioni di queste settimane abbiamo preso in considerazione il senso e le linee di azione che dovrà avere la nuova Provincia. Parliamo di un ente che non sarà più eletto dai cittadini. Non si tratta di un semplice taglio delle poltrone o della cancellazione delle elezioni, ma di un'opportunità per migliorare la gestione del territorio. Sindaci e amministratori di diverse comunità dovranno trovare un terreno di convergenza su interessi comuni e iniziare a progettare azioni concrete su scala territoriale. Un'amministrazione condivisa che dovrà fare ciò che fino ad oggi non si è fatto: usare al meglio le risorse pubbliche con centrali uniche di acquisto, creare una strategia europea provinciale facendosi incubatore di idee e progetti in raccordo con la Regione e il tessuto produttivo. A questo si aggiungono le decisive azioni di controllo e coordinamento delle attività di manutenzione del territorio, come la difesa del suolo e la tutela ambientale. Iniziative che andranno indirizzate anche verso la riscoperta della nostra terra a livello culturale, turistico ed enogastronomico, valorizzandone i prodotti e le potenzialità. Per fare raggiungere questi ambiziosi obiettivi abbiamo bisogno di una macchina provinciale guidata al meglio da figure dalle indubbie capacità e libere da miopi logiche spartitorie. Lo voglio denunciare oggi che siamo ancora in tempo: se il candidato alla provincia non sarà una figura in grado di interpretare la velocità e la concretezza di azione che la crisi impone alla politica, difficilmente avremo l'occasione di riscatto che da anni cerchiamo. Dobbiamo ammetterlo, siamo in forte ritardo rispetto ad altre realtà e abbiamo bisogno di una scossa che può arrivare solo con un ente provinciale agile, efficace e senza vincoli dettati da accorducci di potere che ne limiterebbero l'azione. Su questo, sono convinta che solo il centro-sinistra, con il 70% degli amministratori locali, abbia le energie giuste per raccogliere queste sfide e traghettare la nostra provincia in una nuova fase, in cui conquistare quella autorevolezza che troppe volte è venuta a mancare. Non abbiamo bisogno di altre forze politiche per capire chi può interpretare al meglio questo nuovo ruolo. Le primarie aperte alle sole forze del centro-sinistra saranno lo strumento migliore per scegliere non solo i candidati ma anche il loro approccio al rinnovato ente provinciale. Spetta a noi, centro-sinistra, caricarci sulle spalle il peso della scelta e delle responsabilità, consapevoli della necessità di trovare profili e personalità progressiste in grado di interpretare al meglio questo cambiamento. Queste le dichiarazioni di Daniela Bianchi, consigliera regionale del gruppo "Per il Lazio"
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento