menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
pompeo asemblea sindaci bilanci

pompeo asemblea sindaci bilanci

Frosinone, Sindaci e Presidente della provincia di Frosinone scrivono al Governo

L’Assemblea dei Sindaci della provincia di Frosinone ha varato oggi un documento che sarà inviato al Governo italiano. E’ il risultato, evidentemente molto sentito dai Primi Cittadini, di una convocazione effettuata d’urgenza nella serata di...

L'Assemblea dei Sindaci della provincia di Frosinone ha varato oggi un documento che sarà inviato al Governo italiano. E' il risultato, evidentemente molto sentito dai Primi Cittadini, di una convocazione effettuata d'urgenza nella serata di venerdì scorso per iniziativa del Presidente della Provincia e del Sindaco di Frosinone. Nel documento, infatti, sono contenute le richieste dei Comuni della Provincia di Frosinone che hanno inteso sottoporre al Governo gravissime preoccupazioni derivanti dal rischio di non poter più proseguire a garantire servizi essenziali alla popolazione. Ciò per la decisione della Conferenza Stato-Città e Autonomie di rinviare al 30 settembre il termine di approvazione dei bilanci preventivi solo per le Città Metropolitane e per le Province, senza tenere conto delle difficoltà dei Comuni impegnati in una difficilissima quadratura dei conti a causa dei tagli introdotti dalle normative vigenti. Il documento, indirizzato al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Sottosegretario del Ministero dell'Interno, al Sottosegretario del Ministero dell'Economia e delle Finanze, al Sottosegretario agli Affari Regionali, a S.E. il Prefetto della Provincia di Frosinone, è stato inviato a tutti i Sindaci della Provincia di Frosinone che potranno aderirvi entro mercoledì prossimo.

"Le forti preoccupazioni espresse dai Sindaci della nostra Provincia, comuni a quelle della stragrande maggioranza dei Primi cittadini dell'intera Nazione - afferma il Presidente Pompeo - non poteva essere ignorata dall'Ente di Area vasta che rappresento. Faccio presente la constatazione, nella riunione odierna, del malessere dei Primi Cittadini e la loro esigenza di manifestarlo e di confrontarsi tra colleghi per costituire un fronte comune utile a trovare delle soluzioni. I Sindaci hanno apprezzato il ruolo di raccordo svolto dalla Provincia di Frosinone. Un metodo di lavoro che utilizzeremo con frequenza".

Questa la lettera inviata: Al Presidente del Consiglio dei Ministri; Al Sottosegretario del Ministero dell'Interno, Al Sottosegretario del Ministero dell'Economia e delle Finanze, Al Sottosegretario agli Affari Regionali, Al Prefetto di Frosinone, e p.c. Al Presidente dell'ANCI

I Comuni della Provincia di Frosinone intendono sottoporre alla attenzione del Governo le gravissime preoccupazioni manifestate dai Sindaci del territorio sulla possibilità di continuare a garantire i servizi essenziali.

Infatti la decisione della Conferenza Stato-Città e Autonomie di rinviare al 30 settembre il termine per l'approvazione dei bilanci preventivi solo per Città Metropolitane e Province sembra non tenere in conto le difficoltà dei Comuni, ancora impegnati in una difficilissima quadratura dei conti, a seguito dei tagli introdotti dalla normativa vigente.

Già l'Anci nazionale aveva recepito le difficoltà manifestate dai Comuni, impossibilitati a chiudere il bilancio, anche a causa dei riflessi del riaccertemento straordinario dei residui, dei conseguenti ulteriori oneri derivanti dall'allocazione dei fondi "crediti di dubbia esigibilità" e "contenzioso", oltre che degli ulteriori tagli derivanti dalle precedenti norme di finanza locale e dalla legge di stabilità 2015, talché il rischio concreto è che la copertura finanziaria richiesta dal nuovo sistema contabile possa produrre un ulteriore aumento della pressione fiscale locale a carico dei cittadini.

La esclusione dei Comuni dal differimento accordato invece, giustamente, alle province e alle città metropolitane pone nella più totale incertezza la possibilità di continuare ad erogare servizi essenziali, anche per l'imminente calendario di scadenze contabili da attuare: l'approvazione del bilancio di previsione del 30 luglio e quella del 31 luglio per la salvaguardia degli equilibri di bilancio; il DL enti locali ancora in fase di conversione e sul quale si rendono indispensabili aggiustamenti, soprattutto in relazione alle disposizioni che intervengono sui vincoli del patto di Stabilità, l'incertezza e l'impossibilità di formulare bilanci che rispettino i parametri di legge. Inoltre il 15 luglio scorso sono state rideterminate le somme spettanti ai Comuni per il Fondo Solidarietà Comunale 2015, con ulteriori variabili, proprio in virtù del D.L. n.78/2015 "Enti Locali".

E' per questo che chiediamo al Governo di ascoltare le istanze provenienti dai comuni del Frusinate, in particolare e di quelli d'Italia in generale.

Serve immediatamente un provvedimento per estendere il rinvio a tutti i Comuni.

Non solo. C'è la necessità di nuovi trasferimenti perché siano garantiti i servizi essenziali, oggi indubbiamente a rischio. La situazione finanziaria degli Enti Locali è fortemente critica e c'è bisogno di certezze normative per poter programmare una coerente azione amministrativa in piena autonomia e responsabilità. La previsione nel DL Enti locali di norme che allentino i vincoli del Patto di Stabilità deve essere ancor più ampliata e rafforzata per consentire ai Comuni margini maggiori per investimenti volti alla cura del territorio e all'erogazione dei servizi.

Confidando nell'attenzione che verrà riservata alla presente, e nell'attesa di cortese sollecito riscontro alla presente, si porgono cordiali saluti.

Il Presidente della Provincia di Frosinone i I Sindaci dei Comuni della Provincia di Frosinone

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento